lunedì 27 febbraio | 04:42
pubblicato il 11/feb/2013 19:12

Alimentare: Cia,scandalo carne cavallo conferma importanza tracciabilita

(ASCA) - Roma, 11 feb - Lo scandalo della carne equina spacciata (e pagata) come bovina conferma ancora una volta l'importanza di una completa tracciabilita' di tutti i prodotti alimentari. Solo cosi' si possono realmente tutelare i consumatori europei, ma anche tutti gli allevatori e le aziende oneste che pagano in termini economici e d'immagine vicende come questa. Lo afferma la Cia (Confederazione italiana agricoltori).

A livello comunitario bisogna accelerare i tempi sull'obbligo di indicare in etichetta l'origine anche per carne suina, ovicaprina, avicola e naturalmente equina - spiega la Cia - come avviene gia' per quella bovina. Inoltre, e' necessario intensificare i controlli e inasprire le sanzioni in caso di frodi alimentari.

Soltanto con misure che vanno nella direzione della massima trasparenza alimentare e che puniscono severamente gli inganni a tavola - conclude la Cia - si possono difendere i cittadini sempre piu' disorientati dalle ricorrenti notizie di scandali e truffe e si puo' mettere un serio freno agli illeciti nel settore. com/ mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech