domenica 22 gennaio | 15:33
pubblicato il 08/ott/2013 16:37

Alimentare: Cia, confronto filiera bovina per valorizzare made in Italy

(ASCA) - Roma, 8 ott - Un confronto immediato fra tutte le organizzazioni delle filiera per cercare di superare l'attuale difficile situazione in modo da dare l'avvio a una nuova fase di rilancio, qualificazione e promozione dell'allevamento della carne bovina italiana. E' quanto sollecita la Cia - Confederazione italiana agricoltori preoccupata per una crisi che rischia di provocare pesanti problemi agli allevatori che si trovano ad affrontare una serie di ostacoli, a cominciare dai costi che pesano sulla gestione aziendale. Il settore dell'allevamento bovino da carne - evidenzia la Cia - vive ormai da tempo un periodo di grande difficolta'.

Poco si e' fatto per la valorizzazione della carne italiana.

Tutto cio' con la conseguenza dell'aumento vertiginoso delle importazioni di carne bovina e il pericolo, ormai reale, che il consumatore in futuro nel piatto non possa piu' trovare carne 'made in Italy'. Negli ultimi mesi - ricorda la Cia - si e' avviata un'importante esperienza con la presentazione al ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali del disciplinare del ''vitellone/scottona ai cereali'' come Sistema di qualita' nazionale. Il Disciplinare di produzione del vitellone ai cereali definisce un processo produttivo nell'ambito di un Sistema di qualita' nazionale zootecnia (Sqn) per le carni bovine contrassegnate dalla denominazione ''vitellone/scottona ai cereali'' in conformita' alle prescrizioni del decreto ministeriale 4 marzo 2011. Tale sistema - afferma ancora la Cia - permette di garantire un processo produttivo e un sistema di rintracciabilita' delle carni lungo la filiera (allevamento-punti vendita) e la verifica della veridicita' delle informazioni relative all'animale, alle fasi di macellazione e di lavorazione tramite le quali sono ottenute le carni. Il disciplinare propone un processo produttivo per ottenere carne bovina con caratteristiche qualitative che permettono al consumatore di differenziarle al momento dell'acquisto. Nei giorni scorsi, alla vigilia dell'approvazione del disciplinare, sono giunte al ministero alcune osservazioni al testo che di fatto ne bloccano l'approvazione. La Cia si chiede come in un momento cosi' delicato per gli allevatori di carne bovina organizzazioni interne al settore cerchino di bloccare un percorso che potrebbe qualificare la carne italiana. La Cia si domanda, inoltre, se queste osservazioni non potevano essere presentate nella fase di discussione del progetto e non proprio alla vigilia dell'approvazione del disciplinare. Da qui la sollecitazione di un confronto realmente costruttivo che possa dare nuove prospettive di crescita al settore.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: vedremo cosa farà Trump. Mi preoccupa sproporzione economica
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Papa
Papa:no a Chiesa insapore in società dove anche verità è truccata
Maltempo
Hotel Rigopiano: su struttura impatto simile a 3.500 tir carichi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4