sabato 25 febbraio | 10:46
pubblicato il 08/ott/2013 16:37

Alimentare: Cia, confronto filiera bovina per valorizzare made in Italy

(ASCA) - Roma, 8 ott - Un confronto immediato fra tutte le organizzazioni delle filiera per cercare di superare l'attuale difficile situazione in modo da dare l'avvio a una nuova fase di rilancio, qualificazione e promozione dell'allevamento della carne bovina italiana. E' quanto sollecita la Cia - Confederazione italiana agricoltori preoccupata per una crisi che rischia di provocare pesanti problemi agli allevatori che si trovano ad affrontare una serie di ostacoli, a cominciare dai costi che pesano sulla gestione aziendale. Il settore dell'allevamento bovino da carne - evidenzia la Cia - vive ormai da tempo un periodo di grande difficolta'.

Poco si e' fatto per la valorizzazione della carne italiana.

Tutto cio' con la conseguenza dell'aumento vertiginoso delle importazioni di carne bovina e il pericolo, ormai reale, che il consumatore in futuro nel piatto non possa piu' trovare carne 'made in Italy'. Negli ultimi mesi - ricorda la Cia - si e' avviata un'importante esperienza con la presentazione al ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali del disciplinare del ''vitellone/scottona ai cereali'' come Sistema di qualita' nazionale. Il Disciplinare di produzione del vitellone ai cereali definisce un processo produttivo nell'ambito di un Sistema di qualita' nazionale zootecnia (Sqn) per le carni bovine contrassegnate dalla denominazione ''vitellone/scottona ai cereali'' in conformita' alle prescrizioni del decreto ministeriale 4 marzo 2011. Tale sistema - afferma ancora la Cia - permette di garantire un processo produttivo e un sistema di rintracciabilita' delle carni lungo la filiera (allevamento-punti vendita) e la verifica della veridicita' delle informazioni relative all'animale, alle fasi di macellazione e di lavorazione tramite le quali sono ottenute le carni. Il disciplinare propone un processo produttivo per ottenere carne bovina con caratteristiche qualitative che permettono al consumatore di differenziarle al momento dell'acquisto. Nei giorni scorsi, alla vigilia dell'approvazione del disciplinare, sono giunte al ministero alcune osservazioni al testo che di fatto ne bloccano l'approvazione. La Cia si chiede come in un momento cosi' delicato per gli allevatori di carne bovina organizzazioni interne al settore cerchino di bloccare un percorso che potrebbe qualificare la carne italiana. La Cia si domanda, inoltre, se queste osservazioni non potevano essere presentate nella fase di discussione del progetto e non proprio alla vigilia dell'approvazione del disciplinare. Da qui la sollecitazione di un confronto realmente costruttivo che possa dare nuove prospettive di crescita al settore.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech