lunedì 05 dicembre | 09:31
pubblicato il 15/nov/2014 16:04

Alfano: situazione sicurezza Napoli è tema centrale per Governo

Città all'altezza anche per ospitare grandi eventi

Alfano: situazione sicurezza Napoli è tema centrale per Governo

Napoli, 15 nov. (askanews) - "La sicurezza a Napoli è un tema centrale per il Governo". Ad assicurarlo è il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, nel capoluogo campano per la firma di un protocollo per l'ampliamento e il potenziamento degli spazi per la scuola militare Nunziatella e il Quarto reparto mobile della polizia.

"Siamo chiamati a dimostrare che Napoli è - ha aggiunto il responsabile del Viminale - un luogo sicuro in cui vivere". "La sfida è ardua, ma non la vinceremo", ha aggiunto il ministro che ha ringraziato "tutti coloro che sono impegnati nel garantire l'ordine pubblico ogni giorno". "Napoli ha ospitato eventi delicatissimi", ha ricordato Alfano riferendosi al vertice Bce svoltosi il mese scorso in città dimostrando di essere un esempio di "equilibrio tra il diritto alla manifestazione del pensiero e il dovere di rispettare la legge".

"In quell'occasione Napoli si è dimostrata, ancora una volta, una città sicura anche per ospitare grandi eventi. Noi faremo la nostra parte per dimostrare che Napoli è - ha concluso il ministro - una città sicura non solo in cui vivere o fare vacanza, ma in cui ospitare eventi come quelli già ospitati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari