martedì 06 dicembre | 11:46
pubblicato il 12/mar/2015 19:10

Alfano a Ue: sbarcare in Tunisia migranti salvati in mare

Coinvolgere paesi terzi in sorveglianza marittima, con garanzie Onu

Alfano a Ue: sbarcare in Tunisia migranti salvati in mare

Bruxelles, 12 mar. (askanews) - Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha presentato oggi a Bruxelles ai colleghi dell'Ue un "non paper", che propone di "coinvolgere direttamente i paesi terzi affidabili nella sorveglianza marittima e nelle attività di ricerca e salvataggio", con "meccanismi di cooperazione operativa ad hoc", in particolare al largo della Libia, l'area più interessate dal fenomeno delle migrazioni clandestine dal Nordafrica. Si tratta di una proposta confidenziale, due pagine in 14 punti in tutto, di cui askanews ha preso visione.

Questa cooperazione, che in primo tempo mira soprattutto alla Tunisia (ma potrebbe riguardare anche l'Egitto), "dovrebbe essere adeguatamente sostenuta dall'Ue, attraverso finanziamenti e fornitura di assistenza tecnica", con l'obiettivo, evidentemente, di costituire a termine una efficiente guardia costiera.

L'aspetto più interessante della proposta, comunque, sta nel fatto che le eventuali navi tunisine che raccogliessero i migranti clandestini, li sbarcherebbero in Tunisia, nel rispetto del principio del luogo sicuro più vicino, previsto dalla Legge del Mare. A terra, i rappresentanti degli Stati membri dell'Ue e delle due agenzie Onu dei rifugiati (Unhcr) e dei dei migranti (Iom) assisterebbero le autorità tunisine fornendo la loro "expertise" nel campo della "gestione dei flussi migratori, delle procedure internazionali di protezione, dell'assistenza alle persone vulnerabili e del ritorno dei migranti irregolari ai loro paesi d'origine".

Naturalmente, dovrebbero esserci anche garanzie che i migranti, di qualunque nazionalità, non subiscano maltrattamenti o persecuzioni in Tunisia, e che sia rispettato il principio di "non respingimento" previsto dalle norme Ue e internazionali, ossia il divieto di deportare i migranti nei paesi di transito o di origine che non rispettino i diritti umani e dove sarebbe a rischio la loro vita e la loro integrità fisica. Tutta la questione è, in realtà, assai delicata, perché potrebbe essere vista, in particolare dalle Ong umanitarie e dal Parlamento europeo, come un tentativo di "aggirare" proprio il principio di non respingimento.

Secondo il "non paper" di Alfano, che è stato discusso in una riunione ristretta con i ministri dell'Interno di Francia, Germania, Spagna, e con il commissario Ue all'Immigrazione Dimitris Avramopoulos, "questo nuovo possibile modello" di cooperazione con i paesi terzi "produrrebbe anche un effetto deterrente, così che sempre meno migranti sarebbero pronti a mettere a rischio la loro vita per raggiungere le coste europee", e potrebbe portare a "una riduzione della portata del fenomeno nel medio-lungo termine".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari