lunedì 27 febbraio | 22:10
pubblicato il 12/mar/2015 19:10

Alfano a Ue: sbarcare in Tunisia migranti salvati in mare

Coinvolgere paesi terzi in sorveglianza marittima, con garanzie Onu

Alfano a Ue: sbarcare in Tunisia migranti salvati in mare

Bruxelles, 12 mar. (askanews) - Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha presentato oggi a Bruxelles ai colleghi dell'Ue un "non paper", che propone di "coinvolgere direttamente i paesi terzi affidabili nella sorveglianza marittima e nelle attività di ricerca e salvataggio", con "meccanismi di cooperazione operativa ad hoc", in particolare al largo della Libia, l'area più interessate dal fenomeno delle migrazioni clandestine dal Nordafrica. Si tratta di una proposta confidenziale, due pagine in 14 punti in tutto, di cui askanews ha preso visione.

Questa cooperazione, che in primo tempo mira soprattutto alla Tunisia (ma potrebbe riguardare anche l'Egitto), "dovrebbe essere adeguatamente sostenuta dall'Ue, attraverso finanziamenti e fornitura di assistenza tecnica", con l'obiettivo, evidentemente, di costituire a termine una efficiente guardia costiera.

L'aspetto più interessante della proposta, comunque, sta nel fatto che le eventuali navi tunisine che raccogliessero i migranti clandestini, li sbarcherebbero in Tunisia, nel rispetto del principio del luogo sicuro più vicino, previsto dalla Legge del Mare. A terra, i rappresentanti degli Stati membri dell'Ue e delle due agenzie Onu dei rifugiati (Unhcr) e dei dei migranti (Iom) assisterebbero le autorità tunisine fornendo la loro "expertise" nel campo della "gestione dei flussi migratori, delle procedure internazionali di protezione, dell'assistenza alle persone vulnerabili e del ritorno dei migranti irregolari ai loro paesi d'origine".

Naturalmente, dovrebbero esserci anche garanzie che i migranti, di qualunque nazionalità, non subiscano maltrattamenti o persecuzioni in Tunisia, e che sia rispettato il principio di "non respingimento" previsto dalle norme Ue e internazionali, ossia il divieto di deportare i migranti nei paesi di transito o di origine che non rispettino i diritti umani e dove sarebbe a rischio la loro vita e la loro integrità fisica. Tutta la questione è, in realtà, assai delicata, perché potrebbe essere vista, in particolare dalle Ong umanitarie e dal Parlamento europeo, come un tentativo di "aggirare" proprio il principio di non respingimento.

Secondo il "non paper" di Alfano, che è stato discusso in una riunione ristretta con i ministri dell'Interno di Francia, Germania, Spagna, e con il commissario Ue all'Immigrazione Dimitris Avramopoulos, "questo nuovo possibile modello" di cooperazione con i paesi terzi "produrrebbe anche un effetto deterrente, così che sempre meno migranti sarebbero pronti a mettere a rischio la loro vita per raggiungere le coste europee", e potrebbe portare a "una riduzione della portata del fenomeno nel medio-lungo termine".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech