mercoledì 18 gennaio | 20:04
pubblicato il 12/mar/2015 19:10

Alfano a Ue: sbarcare in Tunisia migranti salvati in mare

Coinvolgere paesi terzi in sorveglianza marittima, con garanzie Onu

Alfano a Ue: sbarcare in Tunisia migranti salvati in mare

Bruxelles, 12 mar. (askanews) - Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha presentato oggi a Bruxelles ai colleghi dell'Ue un "non paper", che propone di "coinvolgere direttamente i paesi terzi affidabili nella sorveglianza marittima e nelle attività di ricerca e salvataggio", con "meccanismi di cooperazione operativa ad hoc", in particolare al largo della Libia, l'area più interessate dal fenomeno delle migrazioni clandestine dal Nordafrica. Si tratta di una proposta confidenziale, due pagine in 14 punti in tutto, di cui askanews ha preso visione.

Questa cooperazione, che in primo tempo mira soprattutto alla Tunisia (ma potrebbe riguardare anche l'Egitto), "dovrebbe essere adeguatamente sostenuta dall'Ue, attraverso finanziamenti e fornitura di assistenza tecnica", con l'obiettivo, evidentemente, di costituire a termine una efficiente guardia costiera.

L'aspetto più interessante della proposta, comunque, sta nel fatto che le eventuali navi tunisine che raccogliessero i migranti clandestini, li sbarcherebbero in Tunisia, nel rispetto del principio del luogo sicuro più vicino, previsto dalla Legge del Mare. A terra, i rappresentanti degli Stati membri dell'Ue e delle due agenzie Onu dei rifugiati (Unhcr) e dei dei migranti (Iom) assisterebbero le autorità tunisine fornendo la loro "expertise" nel campo della "gestione dei flussi migratori, delle procedure internazionali di protezione, dell'assistenza alle persone vulnerabili e del ritorno dei migranti irregolari ai loro paesi d'origine".

Naturalmente, dovrebbero esserci anche garanzie che i migranti, di qualunque nazionalità, non subiscano maltrattamenti o persecuzioni in Tunisia, e che sia rispettato il principio di "non respingimento" previsto dalle norme Ue e internazionali, ossia il divieto di deportare i migranti nei paesi di transito o di origine che non rispettino i diritti umani e dove sarebbe a rischio la loro vita e la loro integrità fisica. Tutta la questione è, in realtà, assai delicata, perché potrebbe essere vista, in particolare dalle Ong umanitarie e dal Parlamento europeo, come un tentativo di "aggirare" proprio il principio di non respingimento.

Secondo il "non paper" di Alfano, che è stato discusso in una riunione ristretta con i ministri dell'Interno di Francia, Germania, Spagna, e con il commissario Ue all'Immigrazione Dimitris Avramopoulos, "questo nuovo possibile modello" di cooperazione con i paesi terzi "produrrebbe anche un effetto deterrente, così che sempre meno migranti sarebbero pronti a mettere a rischio la loro vita per raggiungere le coste europee", e potrebbe portare a "una riduzione della portata del fenomeno nel medio-lungo termine".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina