sabato 10 dicembre | 22:30
pubblicato il 17/ago/2012 12:29

Alessandria, su Facebook istigano all'odio razziale: due arresti

A casa hanno armi, munizioni e un bastone con il volto del Duce

Alessandria, su Facebook istigano all'odio razziale: due arresti

Alessandria (askanews) - Due pistole, munizioni alterate, un bastone con il volto di Benito Mussolini, un tirapugni, una spada e un pugnale affilati, ma anche magliette decorate con la svastica nazista. E' il materiale trovato dalla polizia di Alessandria in un'abitazione privata, che ha portato all'arresto di padre e figlio: oltre a custodire queste armi in casa, i due inneggiavano alla violenza e all'odio razziale su Facebook. Gli agenti della Digos e della polizia postale li hanno scoperti grazie a una denuncia sporta da una persona che riferiva di aver subito ingiurie e diffamazioni su tre profili pubblici del social network. Dalle indagini è emerso che i profili fossero proprio riconducibili a padre e figlio, poi arrestati: la polizia, esaminando le pagine, ha scoperto che contenevano materiale, come foto e inserzioni, tale da configurare i reati di incitamento a commettere violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi e detenzione abusiva di armi.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina