domenica 04 dicembre | 17:25
pubblicato il 24/feb/2011 14:39

Al via comitato candidatura Venezia a capitale Ue cultura 2019

Insieme a macroarea Nord-Est, cerimonia insediamento a Bolzano

Al via comitato candidatura Venezia a capitale Ue cultura 2019

Roma, 24 feb. (askanews) - Parte da Bolzano la corsa per la candidatura di Venezia e del Nordest a capitale europea della cultura 2019: la cerimonia della firma dell'atto costitutivo del comitato fondatore per la candidatura, che andrà presentata entro il 2012, si è svolta oggi nella sede Museo d'arte moderna e contemporanea Museion di Bolzano. Il protocollo d'intesa, sottoscritto a Venezia il primo dicembre scorso da tutti gli enti coinvolti, per l'avvio del progetto prevede infatti la costituzione di un comitato dei fondatori, composto dai sei enti firmatari e supportato da un gruppo tecnico, che promuoverà il lancio della candidatura e la successiva costituzione di un Comitato dei Promotori, aperto alla più ampia partecipazione possibile di istituzioni pubbliche e private, scuole e università, centri studi e ricerca, associazioni imprenditoriali, realtà economiche e finanziarie. Nel comitato siedono i rappresentanti istituzionali degli enti coinvolti nel progetto: le Province autonome di Bolzano e di Trento, le Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia, la Provincia di Venezia e il Comune di Venezia, capofila della candidatura congiunta. In successione sono previsti altri tre Comitati: quello direttivo, il "braccio operativo", composto da 18 membri, 3 per ogni territorio; il secondo Comitato sarà quello scientifico, il terzo il Comitato promotore, aperto alla più ampia partecipazione possibile di istituzioni pubbliche e private, scuole e università, centri studi e ricerca, associazioni imprenditoriali, realtà economiche e finanziarie. In base alla rotazione annuale tra Stati decisa dall'Ue, nel 2019 la Capitale europea spetterà all'Italia e il Nordest si candida per conquistare la nomina, forte di un bacino di 7 milioni di abitanti, di una capofila come Venezia e, tra le sue peculiarità, di una terra plurilingue come la Provincia di Bolzano. Il dossier della candidatura va presentato entro il 2012, il Consiglio d'Europa designerà il vincitore nel 2013. La Capitale europea dovrà organizzare lungo tutto il 2019 un programma di manifestazioni culturali per promuovere il patrimonio esistente e favorire cooperazioni durature in ambito culturale. La proposta su scala interregionale dovrà inoltre rafforzare la visione strategica di una regione metropolitana, qualificare il territorio per contribuire ad attirare investimenti e iniziative imprenditoriali, valorizzare attività innovative e di eccellenza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari