sabato 03 dicembre | 16:35
pubblicato il 20/lug/2013 13:30

Air guitar, i campionati mondiali di chi suona l'invisibile

I migliori si sfidano sul palco senza strumenti

Air guitar, i campionati mondiali di chi suona l'invisibile

Washington (askanews) - Suonare la chitarra, senza la chitarra. E' l'arte dell'Air guitar che ha seguaci in tutto il mondo ed è protagonista anche di un campionato mondiale. Nella tappa di Washington a decine si esibiscono sul palco fingendo di suonare lo strumento, cercando il giusto equilibrio fra realismo e spettacolo."Bisogna essere un po' folli, tutti i campioni prima di me lo erano, e io stesso sono un po' originale", dice il campione degli Stati Uniti secondo cui è tutta una questione di convinzione."Se tu per primo non credi di star suonando uno strumento invisibile, nessuno lo crederà, e questo non è divertente, devi essere consapevole di quello che stai facendo, bisogna investire sulla personalità e sull'esibizione, bisogna osare fare cose mai viste prima". Il campione del Mondo 2012, ora giudice, spiega quali sono i criteri usati per scegliere i vincitori delle gare."Sono tre: la performance sul palco, la tecnica, quanto è realistica? Sembra che stia suonando davvero le note? E la terza categoria è la 'Airness', cioè quando si dimentica di star guardando qualcuno che fa 'Air guitar' perché si è così coinvolti che si crede stia suonando davvero"(Immagini Afp)

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari