domenica 26 febbraio | 10:11
pubblicato il 17/lug/2011 17:30

Aids/ Iss: In Italia incidenza medio-alta di nuove diagnosi Hiv

Nel 2009. Garaci: in maggioranza malattia da rapporti sessuali

Aids/ Iss: In Italia incidenza medio-alta di nuove diagnosi Hiv

Roma, 17 lug. (askanews) - Mai abbassare la guardia sull'Aids perchè non è una malattia già sconfitta e che può essere dimenticata, nemmeno in Europa, nemmeno in Italia. Lo sottolinea Enrico Garaci, presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, che oggi ha anticipato i nuovi dati del bollettino del Centro operativo Aids in vista della conferenza internazionale dell'Aids Society, i cui lavori si aprono oggi a Roma e finiranno mercoledì, alla presenza di oltre 6mila esperti provenienti da tutto il mondo. I dati italiani, infatti, in linea con il trend europeo, indicano che "nonostante i progressi compiuti, l'Italia mostra fra i Paesi dell'Europa occidentale un'incidenza di nuove diagnosi di Hiv medio-alta, con 2.588 nuove diagnosi pervenute nel 2009, per un totale di oltre 45mila diagnosi di infezione di HIV negli ultimi 15 anni". La lettura di questi dati nel tempo racconta come è cambiato negli anni il target dell'infezione: "Non più in maggioranza tossicodipendenti - spiega Garaci - ma persone che contraggono l'infezione o che sviluppano la malattia in seguito a rapporti sessuali, sia etero che omosessuali". Un altro problema è quello del ritardo della diagnosi, soprattutto negli eterosessuali e negli stranieri, che spiega come la percezione del rischio, in particolare fra gli eterosessuali sia ancora bassa. Aumenta inoltre l'età mediana alla diagnosi, che arriva ormai intorno ai 40 anni. Nel 2010 sono stati notificati al Centro operativo Aids 1.079 casi di Aids, per un totale di poco meno di 63mila casi di malattia dal 1985 al 2010, la maggior parte dei quali concentrati nella fascia di età 30-49 anni, ma con un aumento della la quota di casi nella fascia d'età 40-49 anni sia tra gli uomini che tra le donne. "Un dato - prosegue Garaci - che ci spinge ancor di più ad affrontare l'Aids a 360 gradi, come nella tradizione del nostro istituto, sia sul piano della sensibilizzazione e dell'informazione, come facciamo attraverso il telefono verde, sia a servizio dei cittadini e, ancor di più, attraverso la ricerca che da sempre portiamo avanti con i nostri dipartimenti e con il nostro Centro Antiaids, nel campo dei farmaci e in quello dei vaccini per conoscere e poter combattere più efficacemente la malattia senza perdere mai di vista l'obiettivo dell'eradicazione dell'infezione", conclude.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech