martedì 06 dicembre | 06:58
pubblicato il 14/giu/2013 16:08

Aids: IGEB, risvegliare virus Hiv-I latente e sopprimerlo con farmaci

Aids: IGEB, risvegliare virus Hiv-I latente e sopprimerlo con farmaci

(ASCA) - Trieste, 14 giu - Risvegliare il virus HIV-I dormiente grazie all'arsenico e, prima che possa fare danni, ucciderlo. Puo' sembrare la trama di un giallo applicata alla genetica ma e' invece la nuova strada che potrebbe aprirsi nella lotta all'AIDS, grazie a uno studio realizzato al Centro Internazionale di Ingegneria Genetica e Biotecnologie nell'AREA Science Park di Trieste, pubblicata questa settimana dalla rivista Cell Host & Microbe.

La ricerca, condotta da Marina Lusic, Bruna Marini e altri ricercatori del Gruppo di Medicina Molecolare dell'ICGEB diretto da Mauro Giacca, insieme a Roberto Luzzati, del Dipartimento di Scienze Mediche dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Trieste, dimostra in che modo il virus, una volta integrato nel DNA dei pazienti infettati, entri in uno stato di latenza funzionale, che lo rende insensibile alle terapie. In particolare, i ricercatori triestini hanno scoperto che la replicazione di HIV-1 viene spenta da alcuni corpuscoli presenti nel nucleo, costituiti da una proteina chiamata PML. Lo studio ha appurato che, distruggendo la proteina PML, la replicazione di HIV-1 puo' riprendere riattivando, cosi', la sensibilita' del virus ai farmaci. La riattivazione avviene in un modo sorprendentemente semplice, trattando le cellule infettate con l'arsenico, un farmaco gia' in uso nella medicina tradizionale cinese.

Composti a base di arsenico potrebbero quindi essere usati per una strategia di terapia chiamata ''shock and kill'', che prevede, appunto, di stimolare i virus latenti (shock) e quindi riattivarli per poi eliminare (kill) tutte le cellule che albergano il genoma virale, usando i farmaci oggi gia' a nostra disposizione.

''Siamo davvero entusiasti di questa nostra scoperta, considerate specialmente le possibile implicazioni terapeutiche collegate ad essa - sottolinea Marina Lusic -.

Il meccanismo che abbiamo delucidato spiega le basi molecolari della cosiddetta 'latenza' di HIV, fenomeno implicato nell'impossibilita', ad oggi, di curare farmacologicamente la malattia. La proteina che abbiamo scoperto, responsabile del mascherarsi di HIV all'interno del genoma della cellula infettata, potrebbe diventare in futuro un facile bersaglio terapeutico di farmaci che attualmente sono gia' in clinica per il trattamento di alcuni tipi di leucemia. Tuttavia, ulteriore e approfondita sperimentazione clinica e pre-clinica e' ancora necessaria prima di estendere ai pazienti i benefici che la molecola da' a livello cellulare in vitro''.

fdm/mar/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari