venerdì 24 febbraio | 06:43
pubblicato il 08/mar/2013 18:57

Aids: donne con Hiv, al via progetto 'SHE' per 'formare le formatrici'

Aids: donne con Hiv, al via progetto 'SHE' per 'formare le formatrici'

(ASCA) - Milano, 8 mar - Si chiama ''SHE'' (Strong, HIV positive, Empowered Women/Strong, HIV positive Women Educational Program) ed e' il primo programma educazionale in Europa rivolto alle sfide sempre piu' grandi che le donne affette da HIV devono affrontare. In Italia 1/3 delle 4.000 nuove infezioni da HIV l'anno riguarda il sesso femminile. Ma sono ancora troppo pochi i servizi per rispondere efficacemente ai bisogni di queste donne. Nell'ambito del progetto ''SHE'' si e' svolta a Milano, per la prima volta nel nostro Paese, una riunione che ha coinvolto 20 donne con HIV provenienti da tutta Italia e appartenenti a realta' diverse. Si tratta di un programma di supporto tra pari e di formazione medica sulle problematiche specifiche delle donne che convivono con l'HIV, volto ad accrescere le capacita' decisionali delle donne - afferma Silvia Petretti, vice presidente dell'associazione Positively.UK -. Lo scopo dell'incontro milanese e' stato quello di formare delle ''peer leader'' (formatrici) fornendo loro informazioni sul programma ''SHE'', sui ruoli delle facilitatrici nel sostegno tra pari e sulla gestione delle sessioni tra donne con l'HIV.'' ''SHE'' e' la prima risorsa disponibile per le donne con HIV in Italia nella storia di questa patologia, nata direttamente dalle donne per dare e ricevere aiuto reciproco. ''Nell'ottica del sostegno tra pari per un miglioramento della qualita' della vita e dell'espansione in chiave globale di una rete di difesa del diritto alla salute senza discriminazioni, daremo vita ad un Forum SHE sul portale web www.npsitalia.net dove accogliere tutte le donne interessate a saperne di piu' si potranno confrontare - spiega Margherita Errico, presidente dell'associazione NPS Italia onlus -. Questa nuova risorsa web e' frutto di un progetto congiunto promosso da associazioni di persone che convivono con l'HIV, personale sanitario (come infermieri e psicologi) e medici. E' resa possibile grazie al supporto di Bristol-Myers Squibb Italia. Questo sara' il nostro modo speciale di festeggiare un 8 marzo proposit-HIVo.'' Il programma europeo e' stato sviluppato da un comitato indipendente formato da donne con HIV e medici specialisti provenienti da 11 Paesi europei (Francia, Germania, Italia, Polonia, Portogallo, Spagna, Regno Unito, Russia, Danimarca, Svezia e Irlanda). Il progetto si basa sul supporto fornito dalle ''pari'', cioe' da donne nella stessa condizione clinica. E' disponibile online sul sito italiano www.SHEprogramma.it o su quello europeo www.shetoshe.org. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech