sabato 03 dicembre | 01:28
pubblicato il 19/giu/2011 16:19

Ai piedi Vesuvio Slow food coniuga legalità e difesa territorio

Per i suoi 25 anni iniziative nei luoghi confiscati a camorra

Ai piedi Vesuvio Slow food coniuga legalità e difesa territorio

Ai piedi del Vesuvio Slow food si coniuga con legalità. Per festeggiare i suoi 25 anni, infatti, l'associazione fondata da Carlin Petrini ha scelto i beni confiscati alla camorra nei comuni di Ottaviano e Boscoreale come palcoscenico ideale per riappropriarsi del territorio e dei suoi frutti. Alberto Capasso, fiduciario della condotta Slow Food Vesuvio.Al centro delle iniziative della condotta Slow Food Vesuvio il recupero di una tradizione agricolo-gastronomica che rispetti la terra e il lavoro dell'uomo.Tra i progetti dell'ente no profit a favore del territorio ci sono percorsi formativi per gli studenti come gli "Orti in Condotta" e promozione dei presidi dei prodotti locali come il pomodorino del piennolo e i vigneti doc dell'area.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari