mercoledì 22 febbraio | 05:18
pubblicato il 19/giu/2011 16:19

Ai piedi Vesuvio Slow food coniuga legalità e difesa territorio

Per i suoi 25 anni iniziative nei luoghi confiscati a camorra

Ai piedi Vesuvio Slow food coniuga legalità e difesa territorio

Ai piedi del Vesuvio Slow food si coniuga con legalità. Per festeggiare i suoi 25 anni, infatti, l'associazione fondata da Carlin Petrini ha scelto i beni confiscati alla camorra nei comuni di Ottaviano e Boscoreale come palcoscenico ideale per riappropriarsi del territorio e dei suoi frutti. Alberto Capasso, fiduciario della condotta Slow Food Vesuvio.Al centro delle iniziative della condotta Slow Food Vesuvio il recupero di una tradizione agricolo-gastronomica che rispetti la terra e il lavoro dell'uomo.Tra i progetti dell'ente no profit a favore del territorio ci sono percorsi formativi per gli studenti come gli "Orti in Condotta" e promozione dei presidi dei prodotti locali come il pomodorino del piennolo e i vigneti doc dell'area.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia