martedì 24 gennaio | 05:04
pubblicato il 19/giu/2011 16:19

Ai piedi Vesuvio Slow food coniuga legalità e difesa territorio

Per i suoi 25 anni iniziative nei luoghi confiscati a camorra

Ai piedi Vesuvio Slow food coniuga legalità e difesa territorio

Ai piedi del Vesuvio Slow food si coniuga con legalità. Per festeggiare i suoi 25 anni, infatti, l'associazione fondata da Carlin Petrini ha scelto i beni confiscati alla camorra nei comuni di Ottaviano e Boscoreale come palcoscenico ideale per riappropriarsi del territorio e dei suoi frutti. Alberto Capasso, fiduciario della condotta Slow Food Vesuvio.Al centro delle iniziative della condotta Slow Food Vesuvio il recupero di una tradizione agricolo-gastronomica che rispetti la terra e il lavoro dell'uomo.Tra i progetti dell'ente no profit a favore del territorio ci sono percorsi formativi per gli studenti come gli "Orti in Condotta" e promozione dei presidi dei prodotti locali come il pomodorino del piennolo e i vigneti doc dell'area.

Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4