domenica 19 febbraio | 20:48
pubblicato il 30/gen/2014 17:05

Agroalimentare: Cia, serve sistema pubblico-privato lotta contraffazione

Agroalimentare: Cia, serve sistema pubblico-privato lotta contraffazione

(ASCA) - Roma, 30 gen 2014 - Favorire la creazione di un sistema pubblico-privato per la lotta internazionale alla contraffazione e alle frodi alimentari. L'obiettivo e' dare competitivita' al settore della qualita', un asset strategico per le numerose imprese coinvolte, cosi' come e' obbligo collettivo tutelare il consumatore dall'acquisto inconsapevole di prodotti non autentici e spesso dannosi per la sua salute. E' quanto ha sottolineato - riferisce una nota - la Confederazione italiana agricoltori nel corso di un'audizione alla Commissione agricoltura del Senato che sta conducendo un'apposita indagine conoscitiva.

Il giro d'affari legato alle produzioni Dop e Igp supera nella sola Italia i 7 miliardi di euro per fatturato alla produzione e i 12,6 miliardi di euro per consumo. Circa un terzo del volume prodotto - e' stato sottolineato dalla Cia - e' destinato all'export, per un valore di circa 2,5 miliardi di euro. Un comparto che e' passato da prodotti di nicchia a componente importante e dinamica dell'agroalimentare. Di contro, il valore delle merci contraffatte nell'alimentare e' pari ad oltre un miliardo di euro l'anno, il 15 per cento dell'intera contraffazione rinvenuta in Italia. Si passa dall'usurpazione della denominazione a vere e proprie sofisticazioni e frodi alimentari. Il prossimo semestre italiano di presidenza dell'Unione europea rappresenta - ha rimarcato la Cia durante l'audizione a Palazzo Madama - un'imperdibile opportunita' per porre nella dialettica comunitaria la centralita' della tutela e della promozione delle produzioni agroalimentari di qualita' e della loro origine, come strumento di crescita economica per le imprese. Le indicazioni geografiche del ''food'' europeo, con la loro elevata propensione all'export, giocano un ruolo centrale per migliorare la competitivita' delle Pmi europee, anche in risposta alla crisi dei consumi interni.

Intercettare la domanda internazionale di prodotti di qualita' -ha sottolineato al Cia- significa accrescere di oltre il 20-30 per cento il valore commercializzato rispetto ad un prodotto ordinario. I volumi di esportazione, pur rappresentando una quota significativa, come nel settore vitivinicolo, hanno grandi margini di miglioramento. La lotta alla contraffazione -ha sostenuto la Cia- presuppone la necessita' di un coordinamento europeo e internazionale sul fronte dei controlli. Le operazioni repressive contro le contraffazioni e le frodi esercitate in campo agroalimentare dall'Interpol ed Europol in sinergia con le autorita' internazionali offrono un ottimo modello di riferimento.

Per la Cia e' necessario razionalizzare e migliorare nel nostro Paese il sistema di certificazione ed accreditamento.

Gli organismi operanti sono in numero eccessivo, senza paragoni con il resto d'Europa, con problemi di competenza, reputazione, terzieta' (esistono anche organismi che certificano un solo prodotto) e di costi. Occorre, al contrario, favorire un'azione di qualificazione ed accorpamento per avere un numero piu' limitato di organismi efficienti, integrati nel sistema pubblico di vigilanza e ad alta reputazione anche internazionale.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia