giovedì 23 febbraio | 22:15
pubblicato il 06/set/2011 16:45

Agrigento, Madonna lacrimerebbe sangue: quadro analizzato da Ris

Carabinieri controlleranno il liquido apparso sulla tela

Agrigento, Madonna lacrimerebbe sangue: quadro analizzato da Ris

Agrigento, 6 set. (askanews) - Saranno i carabinieri del Reparto investigazioni scientifiche di Messina ad analizzare il quadro dipinto ad olio raffigurante la Madonna del riposo con in braccio Gesù bambino, che da un paio di settimane lacrimerebbe sangue. Il dipinto, di proprietà di una coppia di Licata (Agrigento), è stato affidato dall'arcivescovo di Agrigento, monsignor Franco Montenegro, al capitano Giuseppe Asti, comandante della Compagnia dei carabinieri di Agrigento. L'ufficiale dell'Arma ha così trasferito la tela ai colleghi del Ris di Messina, dove nei prossimi giorni verrà analizzata. Era stata proprio la famiglia di Licata (Agrigento) ad accorgersi delle strane macchie apparse in corrispondenza degli occhi della Madonna raffigurata sulla tela appesa al capezzale del loro letto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech