giovedì 08 dicembre | 01:16
pubblicato il 27/feb/2014 16:02

Agricoltura: Dino Scanavino e' il nuovo presidente della Cia

Agricoltura: Dino Scanavino e' il nuovo presidente della Cia

(ASCA) - Roma, 27 feb 2014 - Dino Scanavino e' il nuovo presidente nazionale della Confederazione italiana agricoltori (Cia). Imprenditore vitivinicolo e vivaistico di Calamandrana, nell'Astigiano, 53 anni, e' stato eletto oggi all'unanimita' dall'assemblea elettiva, riunita a Roma e composta da 436 delegati, in rappresentanza dei quasi 900 mila iscritti dell'organizzazione in tutta Italia.

Scanavino - riferisce una nota - gia' vicepresidente nazionale dal 2010 nonche' presidente della Cia di Asti dal 2002, sara' alla guida della Confederazione per i prossimi quattro anni e rappresenta il passaggio finale e definitivo da una governance mista composta da agricoltori e funzionari confederali a una tutta di agricoltori, come sancito dal nuovo Statuto. Succede a Giuseppe Politi, che e' stato al vertice dell'organizzazione per gli ultimi dieci anni.

''Anche con la crisi - ha osservato il neo presidente Cia - l'agricoltura sta garantendo occupazione e produttivita', spesso in controtendenza rispetto all'andamento generale.

Basti pensare che nel 2013 sulla scena agricola sono spuntate 11.485 nuove aziende, pari al 10 per cento delle imprese neonate in Italia, e che oltre il 17 per cento di questa nutrita pattuglia di ''new entry' ha un titolare di eta' inferiore ai 30 anni''. Inoltre, ''non si puo' dimenticare che l'agroalimentare e' l'unico comparto che continua a crescere sui mercati stranieri con un fatturato di oltre 130 miliardi di euro e un'incidenza del 15 per cento sul Pil''.

Eppure, ''nonostante questi segnali positivi, il reddito degli agricoltori non cresce, perche' lo Stato appesantisce il settore con inconcepibili oneri burocratici, mettendoci fuori dalla competitivita' europea'', ha osservato il nuovo presidente della Cia. ''Per questo ora serve un cambio di passo: la politica deve investire sul serio sul settore, dedicandovi tempo e risorse. In questo senso ''la scelta di individuare agricoltura e cibo tra i settori chiave per il rilancio, com'e' indicato nel ''Job Act' del premier Renzi, e' un buon inizio'', ha decretato Scanavino.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni