domenica 04 dicembre | 21:28
pubblicato il 07/giu/2013 13:40

Agricoltura: Coldiretti, imitazioni minacciano consumi prodotti Dop/Igp

Agricoltura: Coldiretti, imitazioni minacciano consumi prodotti Dop/Igp

(ASCA) - Roma, 7 giu - Si riduce il consumo di prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp) in Italia dove si registra un crollo degli acquisti che varia dal -6,8% per il parmigiano reggiano al -5,3% per il grana padano per effetto della crisi, ma soprattutto della concorrenza sleale dei prodotti di imitazione low cost. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Symphony Iri relativi al primo quadrimestre del 2013 in occasione della presentazione dell'Atlante Qualivita.

Le importazioni italiane di formaggi duri di latte bovino non Dop, assimilabili a dei similgrana, sono aumente dell'88% in dieci anni e hanno raggiunto - sottolinea la Coldiretti - i 27,3 milioni di chili nel 2012. I similgrana - rileva la Coldiretti - sono arrivati in Italia soprattutto dall'Europa a partire dalla Germania (8,3 milioni di chili) e dalla Repubblica Ceca (8,1 milioni di chili) anche se in forte crescita risulta essere l'Ungheria dalla quale sono giunti ben 2,7 milioni di chili, pari al 10 per cento del totale delle importazioni. Si tratta di formaggi di diversa origine e qualita' che non devono rispettare i rigidi disciplinari di produzione approvati dall'Unione Europea per i formaggi Dop. Il rischio - allerta l'associazione di categoria - e' che vengano scambiati dai consumatori come prodotti Made in Italy perche' vengono spesso utilizzati nomi, immagini e forme che richiamano all'italianita', ma anche perche' appare il bollo Ce con la ''It'' di Italia se il formaggio viene semplicemente confezionato in Italia. Un problema analogo - continua la Coldiretti - riguarda i prosciutti che in quattro casi su cinque tra quelli venduti in Italia provengono da maiali allevati in Olanda, Danimarca, Francia, Germania, Spagna senza che questo venga chiaramente indicato in etichetta e con l'uso di indicazioni fuorvianti come ''nostrano'' che ingannano il consumatore sulla reale origine. Il problema riguarda sia il prosciutto crudo che quello cotto, per il quale si stima la provenienza straniera del coscio in una percentuale superiore al 90%. Le caratteristiche di questi prodotti sono profondamente diversi da quelli a denominazione di origine come il Parma e il San Daniele che sono ottenuti da allevamenti italiani regolamentati sulla base di rigidi disciplinari di produzione approvati dall'Unione Europea. Nell'Unione Europea e' peraltro possibile acquistare pseudo vino ottenuto da polveri miracolose contenute in wine-kit che - sostiene la Coldiretti - promettono in soli 5 giorni di ottenere in casa imitazioni dei vini italiani piu' noti per i quali vengono addirittura fornite le etichette da apporre sulle bottiglie.

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari