giovedì 08 dicembre | 11:43
pubblicato il 29/gen/2013 11:34

Agricoltura: Cia, tempi rapidi per interventi su nitrati

(ASCA) - Roma, 29 gen - Sulla vicenda nitrati e' necessario che i ministeri delle Politiche agricole e dell'Ambiente e le Amministrazioni regionali individuino in tempi rapidi un percorso coerente a livello legislativo e amministrativo che dia seguito alle indicazioni della normativa e dell'accordo Stato-Regioni del 5 maggio 2011, per andare incontro alle pressanti richieste delle imprese agricole, evitando inutili e dannosi contenziosi con l'Unione europea. E' quanto sollecitano le organizzazioni aderenti ad Agrinsieme (Cia, Confagricoltura, Fedagri-Confcooperative, Agci-Agrital, Legacoop-Agroalimentare).

La necessita' di dare risposte puntuali alle esigenze delle imprese zootecniche che stanno riscontrando notevoli difficolta' ad applicare i numerosi adempimenti previsti dalla normativa sui nitrati -rileva Agrinsieme- e' stata colta dal Decreto Sviluppo bis. Un provvedimento che -afferma Agrinsieme- si e' posto l'obiettivo di accelerare la ridefinizione delle aree vulnerabili anche in relazione alla necessita' di valutare con piu' attenzione il ruolo effettivo sull'inquinamento delle acque esercitato da ciascuna attivita', non solo da quella agricola. Le nuove norme - sottolinea ancora Agrinsieme - fanno riferimento all'accordo Stato-Regioni che aveva ritenuto inadeguati e sproporzionati gli oneri gestionali e amministrativi previsti nei programmi d'azione a carico delle aziende zootecniche. Accordo che al primo punto aveva sollecitato l'aggiornamento della delimitazione delle aree vulnerabili, sulla base di uno specifico studio da predisporre entro il 31 dicembre 2011, ma non ancora realizzato.

La formulazione delle norme recentemente approvate rischia, pero', di creare - denuncia Agrinsieme - disorientamento e incertezza in ordine al rispetto della normativa comunitaria. E, questo, con il rischio che la Commissione europea prenda provvedimenti contro l'Italia e sanzioni, in una fase successiva, gli stessi agricoltori per il mancato rispetto della legislazione europea. E' necessario, pertanto, che in tempi rapidi vengano fornite precise indicazioni, da parte delle Amministrazioni centrali e territoriali, per gestire - conclude Agrinsieme - questa delicata fase legislativa al fine di evitare ulteriori criticita' a carico delle aziende.

red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni