martedì 24 gennaio | 02:01
pubblicato il 04/feb/2013 15:57

Agricoltura: Cia, proposto memorandum a candidati politici

(ASCA) - Roma, 4 feb - Terra, credito, agevolazioni fiscali e tutela ambientale: questi gli obiettivi fondamentali a cui guarda il ''memorandum'' che i giovani agricoltori dell'Agia-Cia hanno inviato ai capi coalizione delle prossime elezioni e alle istituzioni locali e nazionali, per fare dell'agricoltura un settore appetibile alle nuove generazioni e un motore di sviluppo per l'intera economia del Paese. Si tratta di una proposta politica scandita in dieci passaggi, tanti quanti le misure da adottare per eliminare una ad una le barriere invalicabili che oggi mettono ''fuori gioco'' tanti aspiranti imprenditori della terra. E' quanto afferma l'Associazione dei giovani imprenditori della Cia (Confederazione italiana agricoltori). ''Per costruire l'Italia nuova - dicono i giovani di Agia-Cia - prima fra tutte c'e' la necessita' di individuare una strategia per il settore agroalimentare italiano che consenta di realizzare un modello produttivo evoluto e sostenibile''. Seguono una dopo l'altra richieste ben precise: ''l'istituzione della Banca della terra, un archivio pubblico gestito dall'Ismea che raccolga i terreni demaniali da destinare in modo agevolato ai giovani agricoltori; l'approvazione della legge per la difesa del suolo e dell'agricoltura dalla cementificazione; l'assegnazione di risorse adeguate del Psr al ricambio generazionale e l'istituzione di un Tavolo di credito tra Abi e associazioni di giovani imprenditori per lavorare all'istituzione di un Fondo europeo per la garanzia al credito per i giovani''. Ma l'agenda politica proposta dai giovani dell'Agia al futuro governo contempla anche un secondo blocco di provvedimenti da varare entro un anno dall'insediamento. Tra queste, ''l'alleggerimento del capitolo fiscale per gli 'under 40', a partire da Irap e Imu. Ma chiedono anche piu' formazione e il rilancio di ricerca e innovazione, uno snellimento di tempi e costi della burocrazia, oltre che l'estensione della banda larga a tutte le zone rurali''.

''Solo in questo modo - conclude l'Agia - l'agricoltura puo' diventare un terreno fertile per le capacita' fresche e dinamiche di tanti giovani che oggi non hanno la possibilita' neanche di cominciare ad intraprendere un'attivita', tagliati fuori da costi iniziali sproporzionati e dall'impossibilita' concreta di accesso al credito''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4