mercoledì 18 gennaio | 07:40
pubblicato il 02/gen/2014 14:27

Agricoltura: Cia, nel 2013 costi produttivi cresciuti del 7-8%

Agricoltura: Cia, nel 2013 costi produttivi cresciuti del 7-8%

(ASCA) - Roma, 2 gen 2014 - ''Nonostante abbia reagito alla crisi meglio di altri comparti dell'economia, l'agricoltura italiana e' stata costretta ad affrontare nel 2013 pressanti problemi legati soprattutto alla crescita opprimente dei costi produttivi, contributivi e burocratici (un aumento tra il 7 e l'8 per cento) che stanno fiaccando il valore delle imprese, incrinandone pericolosamente la competitivita'''. Lo afferma in una nota il presidente della Confederazione italiana agricoltori (Cia), Giuseppe Politi, che traccia un primo bilancio dell'annata agraria appena trascorsa e auspica, per l'anno entrante, ''risposte efficaci attraverso leggi e regole che permettano al settore di riprendere con vigore la strada dello sviluppo e della competitivita'''.

''Difficolta' evidenti - sottolinea Politi - si sono riscontrate nel valore aggiunto agricolo (che dovrebbe diminuire di circa l'1,4 per cento), mentre sul fronte della produzione, anche a causa delle pesanti conseguenze del maltempo che ha contrassegnato tutto l'anno passato, si dovrebbe registrare un calo tra il 3 e il 5 per cento''.

''Stesso discorso - prosegue - per i prezzi all'origine che, secondo le prime stime della Cia, dovrebbero avere una flessione di circa il 3 per cento, dovuta al repentino mutamento del trend positivo intervenuto negli ultimi due trimestre dell'anno''.

Il presidente confederale sottolinea che ''invece, lo scenario per i redditi degli agricoltori che dovrebbero segnare un sostanziale aumento rispetto al 2012. Piu' 8,9 per cento, confermato anche dalle prime stime di Eurostat. Un dato che, tuttavia - sottolinea Politi - non cambia di molto le carte in tavola, in quanto la situazione reddituale resta ancora difficile. Questo perche' dal 2003 a oggi, secondo un'analisi della Cia, i nostri produttori hanno registrato, in ambito Ue, la flessione piu' accentuata: meno 15,7 per cento''. ''Unica nota positiva e che lascia bene sperare per il futuro e' il commercio estero. Il ''made in Italy' agroalimentare ha proseguito la sua corsa e il 2013 dovrebbe chiudersi - rimarca il presidente della Cia - con un nuovo record dell'export: 34 miliardi di euro. Il che dovrebbe far segnare un incremento nei confronti del 2012 di oltre il 6 per cento''.

com-stt/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa