venerdì 24 febbraio | 04:49
pubblicato il 01/feb/2013 14:30

Agricoltura: Cia, luci e ombre per le semine di grano duro

(ASCA) - Roma, 1 feb - Nel 2013 crollano le superfici a grano duro al centro Italia, mentre si mantengono pressoche' stabili nel mezzogiorno. Lo afferma la Cia (Confederazione italiana agricoltori) che ha effettuato una prima indagine sull'andamento della nuova campagna di semina.

In particolare - spiega la Cia - al sud si prevedono invariate le aree coltivate a grano duro rispetto all'annata agraria precedente, rimanendo quindi intorno ai 925 mila ettari. Un dato che si preannuncia positivo non solo dal punto di vista quantitativo, ma anche qualitativo, grazie alle buone condizioni climatiche durante la fase di semina.

Completamente diversa la situazione nelle aree dell'Italia centrale - osserva la Cia - dove le piogge torrenziali, quando non alluvionali, tra novembre e dicembre hanno di fatto ritardato, se non impedito del tutto, le operazioni di semina. Dalle nostre prime stime, infatti, sembrerebbero non inferiori al 30 per cento i cali di superficie a grano duro nelle aree interne della Toscana, mentre sul litorale tirreno toccherebbero addirittura riduzioni fino al 60 per cento rispetto all'anno scorso. Dati ancora provvisori - puntualizza la Cia - ma che, se confermati, porterebbero a una significativa contrazione delle superfici coltivate a grano duro al centro Italia rispetto ai 320 mila ettari della scorsa annata. Con effetti disastrosi dal punto di vista economico per le aziende agricole, soprattutto in un momento in cui i prezzi di listino si prevedono remunerativi, anche a seguito della diminuzione della produzione mondiale (35 milioni di tonnellate). Ma il crollo delle superfici coltivate desta preoccupazione anche sotto il profilo paesaggistico e ambientale, considerato che gran parte delle semine delle aree interne del Centro avviene su colline scoscese a forte rischio di abbandono e di dissesto idrogeologico.

Il nostro auspicio - conclude la Cia - e' che le migliorate condizioni climatiche possano ancora favorire le semine tardive. Nel frattempo e' assolutamente vitale accelerare tutte le pratiche di sostegno alle aziende agricole colpite dal maltempo estremo e che hanno visto riconosciuto lo stato di calamita'.

com/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech