martedì 24 gennaio | 20:18
pubblicato il 01/feb/2013 14:30

Agricoltura: Cia, luci e ombre per le semine di grano duro

(ASCA) - Roma, 1 feb - Nel 2013 crollano le superfici a grano duro al centro Italia, mentre si mantengono pressoche' stabili nel mezzogiorno. Lo afferma la Cia (Confederazione italiana agricoltori) che ha effettuato una prima indagine sull'andamento della nuova campagna di semina.

In particolare - spiega la Cia - al sud si prevedono invariate le aree coltivate a grano duro rispetto all'annata agraria precedente, rimanendo quindi intorno ai 925 mila ettari. Un dato che si preannuncia positivo non solo dal punto di vista quantitativo, ma anche qualitativo, grazie alle buone condizioni climatiche durante la fase di semina.

Completamente diversa la situazione nelle aree dell'Italia centrale - osserva la Cia - dove le piogge torrenziali, quando non alluvionali, tra novembre e dicembre hanno di fatto ritardato, se non impedito del tutto, le operazioni di semina. Dalle nostre prime stime, infatti, sembrerebbero non inferiori al 30 per cento i cali di superficie a grano duro nelle aree interne della Toscana, mentre sul litorale tirreno toccherebbero addirittura riduzioni fino al 60 per cento rispetto all'anno scorso. Dati ancora provvisori - puntualizza la Cia - ma che, se confermati, porterebbero a una significativa contrazione delle superfici coltivate a grano duro al centro Italia rispetto ai 320 mila ettari della scorsa annata. Con effetti disastrosi dal punto di vista economico per le aziende agricole, soprattutto in un momento in cui i prezzi di listino si prevedono remunerativi, anche a seguito della diminuzione della produzione mondiale (35 milioni di tonnellate). Ma il crollo delle superfici coltivate desta preoccupazione anche sotto il profilo paesaggistico e ambientale, considerato che gran parte delle semine delle aree interne del Centro avviene su colline scoscese a forte rischio di abbandono e di dissesto idrogeologico.

Il nostro auspicio - conclude la Cia - e' che le migliorate condizioni climatiche possano ancora favorire le semine tardive. Nel frattempo e' assolutamente vitale accelerare tutte le pratiche di sostegno alle aziende agricole colpite dal maltempo estremo e che hanno visto riconosciuto lo stato di calamita'.

com/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Maltempo
Rigopiano, 15 vittime: 9 ancora in obitorio da identificare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4