martedì 17 gennaio | 12:44
pubblicato il 29/lug/2013 16:35

Agricoltura: Cia, diffondere dieta mediterranea, elisir contro malattie

Agricoltura: Cia, diffondere dieta mediterranea, elisir contro malattie

(ASCA) - Roma, 29 lug - ''La dieta mediterranea e' un bene prezioso che va tutelato e diffuso. Non soltanto perche' rappresenta il modello nutrizionale per eccellenza, alla base di un'alimentazione sana ed equilibrata, ma anche perche' si conferma un ''elisir' per combattere malattie gravi come quelle cardiovascolari''. Lo ha affermato Cinzia Pagni, vicepresidente nazionale della Cia, confederazione italiana agricoltori, nel suo intervento al convegno sul tema organizzato oggi a Teggiano. ''Basandosi sulla varieta' degli ingredienti e sull'assenza di grassi saturi, con un consumo abbondante di frutta e verdura, cerali, olio d'oliva e vino -ha ricordato la Pagni- la dieta mediterranea e' un ''mix antinfiammatorio' imbattibile per prevenire le malattie cardiovascolari, riuscendo a mantenere piu' bassi i livelli di trigliceridi, colesterolo, glicemia e pressione arteriosa. Ma non basta: diverse ricerche mediche e scientifiche internazionali hanno dimostrato che la dieta mediterranea riduce del 9% l'incidenza di problemi e patologie cardiache, del 13% l'incidenza del Parkinson e dell'Alzheimer, del 6% quella del cancro''.

''Appare quanto mai opportuna una piena valorizzazione a livello globale della dieta mediterranea, per indirizzare soprattutto i giovani verso una corretta alimentazione. Anche perche' oggi i costi sociali di obesita' e sedentarieta' toccano, solo in Italia, i 65 miliardi di euro all'anno'', ha detto Pagni, secondo cui ''e' sintomatico anche il grido d'allarme lanciato dalla Fao, secondo cui la dieta mediterranea, che vanta seguaci in tutto il mondo, e' sempre piu' ignorata nei paesi d'origine, tra i quali l'Italia, dove sono cresciuti i consumi di grassi e calorie. Un problema legato a doppio filo alla crisi economica, con sei famiglie su dieci che hanno cambiato abitudini alimentari, dirottando verso discount (6,5 milioni) e prodotti molto piu' economici ma di qualita' inferiore''. Contemporaneamente ''nelle dispense si moltiplicano cibi in scatola e surgelati e si ricorre sempre piu' spesso al ''junk food' (+7% in un anno) -ha concluso il vicepresidente della Cia- a tutto discapito dei prodotti freschi tipici della dieta mediterranea come frutta e verdura''.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Parigi, la protesta dei motociclisti "vintage" francesi
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ciberfisica, al via sviluppo tecnologie per affidabilità sistemi
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate