giovedì 19 gennaio | 05:32
pubblicato il 10/giu/2013 13:19

Agricoltura: Cia, aumenta occupazione (+0,7%) e export (+6,6%)

Agricoltura: Cia, aumenta occupazione (+0,7%) e export (+6,6%)

(ASCA) - Roma, 10 giu - ''L'unica nota positiva, in un quadro recessivo sia per l'industria che per servizi e costruzioni, arriva dall'agricoltura: il valore aggiunto del settore primario, infatti, cresce sia a livello congiunturale (+4,7 per cento) che tendenziale (+0,1 per cento). Questo vuol dire che, nonostante tutti i problemi che condizionano il comparto, dai costi produttivi record ai danni del maltempo sulle campagne, l'agricoltura riesce a svolgere una funzione ''anticiclica'' e a garantire, in assoluta controtendenza rispetto all'andamento generale, produttivita' e occupazione''. E' quanto ha dichiarato il presidente della Cia, Giuseppe Politi, commentando i dati Istat sul prodotto interno lordo nel primo trimestre 2013.

Per Politi, ''non si puo' ignorare il fatto che l'agroalimentare e' l'unico segmento che continua a incrementare le vendite sui mercati stranieri: nei primi tre mesi del 2013 le esportazioni sono aumentate del 6,6 per cento in valore -ricorda Politi- sintesi del +6,9 per cento dei prodotti agroalimentari e del +5,4 dei prodotti agricoli.

Ma non basta: tra gennaio e marzo il settore primario e' stato anche l'unico ad assumere (+0,7 per cento), con un ''boom'' al Centro (+12 per cento) e al Nord Italia (+2 per cento)''.

Il presidente ricorda che ''l'agricoltura riesce ad aprire nuovi sbocchi d'impresa anche per le categorie piu' deboli, come le giovani donne del Mezzogiorno, dove la disoccupazione sfiora il 50 per cento. Oggi - sottolinea Politi - sono 44.128 le aziende agricole con a capo una donna di eta' compresa tra i 18 e i 40 anni, pari al 15,4 per cento, e percentuali piu' alte della media si riscontrano proprio al Sud (17 per cento), dove si trova quasi la meta' delle imprese (20.369) condotte da donne ''under 40'. Anche a livello di manodopera femminile, su un totale di 406 mila occupate nel settore, il 70 per cento e' rappresentato proprio dalle lavoratrici della terra in Puglia, Calabria, Campania e Basilicata''.

''Per tutti questi motivi - conclude Politi - ora chiediamo alla politica di investire sul serio sull'agricoltura, dopo averla lasciata nell'angolo per anni, perche' puo' rappresentare davvero un volano per la ripresa dell'economia''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina