venerdì 24 febbraio | 03:04
pubblicato il 09/lug/2013 11:01

Agcom: ecco la dieta dell'italiano digitale, ogni giorno 4 ore e mezza

Agcom: ecco la dieta dell'italiano digitale, ogni giorno 4 ore e mezza

(ASCA) - Roma, 9 lug - Quattro ore e mezza ogni giorno. E' questo il consumo medio che ciascun italiano offre ai servizi digitali, nella sua ''dieta mediatica'.

Ecco che 23 minuti vengono consumati quotidianamente sui social netwok (sempre in media); 10 minuti sono impiegati per chiamate, mentre vengono inviati ogni giorno 30 sms e instant message.

A questi si aggiungono 21 e-mail e lettere inviate, quasi due ore davanti alla televisione (per l'esattezza 115 minuti) e, infine, 276 byte di ebook letti. Sono i dati diffusi e presentati oggi dall'Agcom nel corso della relazione annuale a Montecitorio.

Nel 2012 il settore delle comunicazioni ha totalizzato 61 miliardi di euro di cui oltre la meta' (62%) dovuto alle telecomunicazioni, i media (radio, tv, editoria) hanno rappresentato un quarto del totale (25%) mente i servizi postali hanno generato il 13% dei ricavi.

njb/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech