domenica 04 dicembre | 00:55
pubblicato il 30/dic/2011 15:44

Afghanistan, Cappellacci in visita alla Brigata Sassari a Herat

Presidente della Sardegna: ambasciatore del loro lavoro

Afghanistan, Cappellacci in visita alla Brigata Sassari a Herat

Herat, (askanews) - Una visita, una missione per il presidente della Regione Sardegna Ugo Cappellacci, arrivato a Herat, in Afghanistan, per incontrare i militari della Brigata Sassari che dal settembre scorso hanno assunto la guida del Comando regionale Ovest della Missione Isaf. Cappellacci ha visitato gli scenari operativi: prima tappa il Team provinciale di ricostruzione (Prt) di Herat, che ha il compito aiutare le autorità locali nella ricostituzione delle strutture socio-politiche della Repubblica Islamica d'Afghanistan.Cappellacci è arrivato a Camp Arena con un C130 dell'Aeronautica militare ed è stato accolto dal comandante della Brigata Sassari e del Regional Command West, generale Luciano Portolano. "La Brigata Sassari è unica, costituita quasi al 90% da sardi, fortemente radicata nel territorio e alle tradizioni. E' uno dei migliori ambasciatori del popolo sardo e di quello italiano nelle operazioni internazionali". Cappellacci ha incontrato le autorità civili di Herat: il governatore e il presidente della Provincia, ha detto, hanno espresso gratitudine, riconoscenza e apprezzamento" per quanto l'Italia sta facendo sul territorio di competenza.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari