giovedì 08 dicembre | 21:56
pubblicato il 05/mar/2014 12:00

Affari 'Ndrangheta a Roma, pm chiede pene per 60 anni

Requisitoria di Francesco Minisci al processo Alvaro e altri

Affari 'Ndrangheta a Roma, pm chiede pene per 60 anni

Roma, 5 mar. (askanews) - Bar e ristoranti gestiti dalla 'Ndrangheta nella Capitale. Il pm Francesco Minisci ha ricostruito oggi davanti ai giudici della VII sezione del tribunale di Roma la capacità delle cosche di entrare nel tessuto economico della città. Il processo è quello che riguarda anche il 'Cafè de Paris' di via Veneto. I 24 imputati sono accusati a vario titolo di trasferimento fraudolento di beni. Ad alcuni è contestata l'aggravante del legame mafioso. Il pubblico ministero ha chiesto nel complesso 60 anni di reclusione. Tra le richieste più dure, quella a una condanna a 7 anni di reclusione per Vincenzo Alvaro e a 5 anni per Damiano Villari, ritenuti dagli inquirenti le figure di primo piano nelle attività illecite. "Il contesto in cui gli imputati hanno compiuto il reato è di elevata mafiosità", ha continuato il rappresentante dell'accusa. Il gestore del 'Cafè de Paris' è proprio Villari. Il pm ha ricordato che questo è un barbiere originario di Santo Stefano di Aspromonte, provincia di Reggio Calabria, e che nella sua vita ha fatto in Calabria anche il conducente di autombulanze private. "E' Villari - ha detto ancora Minisci - a preparare il terreno per l'arrivo a Roma di Alvaro che ottiene un lavoro come aiuto cuoco in un locale intestato alla moglie di Villari". Da parte sua Villari, dopo le richieste, ha commentato: "Dopo questi 5 anni di disperazione credo ancora nella giustizia pulita e sana, ma anche in un 'giudice a Berlino'. Mi trovo così solo perché ho creato lavoro da onesto cittadino italiano". Il pm Minisci ha poi spiegato che la cosca Alvaro è radicata da decenni nelle zone di Cosoleto, Sant'Eufemia e Sinopoli ed è una struttura familistica, autosufficiente e difficilmente penetrabile. Tale è rimasta quando è approdata a Roma, seguendo le tracce di Vincenzo Alvaro, figlio del capoclan Nicola, che aveva ottenuto l'obbligo di soggiorno nella Capitale da sorvegliato speciale. A partire dai primi anni del Duemila, infatti, "si verifica a Roma una frenetica acquisizione di attività nel settore della ristorazione, una scalata in cui vengono coinvolti soggetti vicini ad Alvaro, molti dei quali nella capitale neppure mettono piede". Acquisti e cessioni di quote aziendali che - ha spiegato ancora il pm - "sono finalizzati a rendere difficoltose le indagini patrimoniali sulla famiglia e a creare assetti societari formalmente credibili ma in realtà fittizi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni