sabato 10 dicembre | 12:26
pubblicato il 22/mar/2014 14:05

Acqua: Giornata mondiale per risorsa di vita negata a milioni di persone

Acqua: Giornata mondiale per risorsa di vita negata a milioni di persone

(ASCA) - Roma, 22 mar 2014 - Istituita dalle Nazioni unite nel 1992, cade oggi la Giornata mondiale dell'acqua per ricordare al mondo l'importanza di questa risorsa vitale, ancora non accessibile per milioni di persone, laddove una privilegiata parte di popolazione ne dispone in maniera indiscriminata e, spesso, irresponsabile. Secondo una stima Onu, il 60% di quanti al mondo non hanno accesso a fonti migliorate di acqua potabile e' concentrata in soli dieci paesi.

L'acqua e' ''un bene primario per la vita, risorsa preziosa, non infinita. Non sprechiamola!'', scrive su Twitter il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, tra i destinatari del dossier 'AcQuaLeQualita'?' pubblicato da Legambiente a ricordare che l'Italia non ha ancora assimilato nel proprio ordinamento la Direttiva quadro Ue sulle acque (2000/60), i cui termini di recepimento scadono il prossimo anno.

Nel nostro paese - denuncia l'associazione ambientalista - resta ancora sconosciuto lo stato chimico del 78% delle acque superficiali e quello ecologico del 56%. Tale approccio, nella lettura di Legambiente, non considera come agli aspetti di rischio ambientale si aggiunga, sul piano economico, la minaccia di pesanti sanzioni per le procedure d'infrazione che scaturirebbero dal mancato rispetto delle direttive. Ma, allargando la riflessione al di la' dei confini nazionali ed europei, e' l'Unicef a ricordare come, in base ai dati 2013 dell'Organizzazione mondiale della sanita' (Oms), al mondo ancora 768 milioni di persone non hanno accesso ad acqua potabile e, per questo, centinaia di migliaia di bambini ogni anno si ammalano o muoiono.

Per le scarse condizioni igieniche dovute allla scarsezza di acqua corrente e potabile, ogni giorno 1400 bambini muoiono di diarrea che ''da sola, e' responsabile del 16% delle morti infantili ed e' assurdo che per milioni di bambini rappresenti ancora un killer micidiale'', denuncia Save the Children.

L'Organizzazione in prima linea per la difesa dei diritti dell'Infanzia, come del resto la stessa Unicef, evidenziano, inoltre, che il difficile accesso all'acqua ''impatta anche sul diritto all'istruzione, in particolare delle bambine''.

In Africa subsahariana, ad esempio, ''il compito di raccogliere l'acqua per le proprie famiglie ricade sull'81% delle donne e bambine impedendo loro di andare a scuola'', rileva Save the Children. E' delle Nazioni unite, invece, la stima per cui oltre il 60% della popolazione che non ha accesso a fonti migliorate di acqua potabile, viva in 10 paesi: Cina (108 mln), India (99 mln); Nigeria (63 mln); Etiopia (43 mln); Indonesia (39 mln); Repubblica Democratica del Congo (37 mln); Bangladesh (26 mln); Repubblica Unita della Tanzania (22 mln); Kenya (16 mln) e Pakistan (16 mln).

Da qui, il monito lanciato da Sanjay Wijesekera, responsabile Unicef a livello globale per i programmi legati all'acqua e servizi igienico sanitari, in occasione della Giornata mondiale dell'acqua: ''Il mondo intero non deve fermarsi finche' ogni singolo uomo, donna e bambino non avra' l'acqua e i servizi igienici sanitari cui ha diritto, proprio perche' questi sono diritti umani''.

red-stt/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina