venerdì 09 dicembre | 17:18
pubblicato il 08/nov/2013 12:00

Accordo di 26 Stati Ue per congelare quote di emissione CO2

Ritirare 900 mln di tonnellate di quote per far risalire i prezzi

Accordo di 26 Stati Ue per congelare quote di emissione CO2

Bruxelles, 8 nov. (askanews) - La proposta della Commissione europea di "congelare" temporaneamente permessi di emissioni di CO2 per 900 milioni di tonnellate ("backloading") è stata finalmente approvata, oggi a Bruxelles, dai rappresentanti degli Stati membri dell'Ue, con un'ampia maggioranza che ha lasciato fuori solo la Polonia e e Cipro. La proposta mira a operare un vero e proprio salvataggio della borsa europea delle emissioni (Ets), che è ormai al collasso per via della discesa vertiginosa dei prezzi delle quote di CO2, oramai arrivati a 4 euro per tonnellata. Ritirando temporaneamente dal mercato 900 milioni di quote, la Commissione prevede di poter far risalire i prezzi, secondo il meccansimo della domanda e dell'offerta. Tutti gli scenari previsti da Bruxelles quando il sistema Ets è entrato in applicazione, nel 2008, e quando è stato riformato per il periodo 2013-2020, prevedevano un prezzo di almeno 15 euro per quota di CO2, considerato come incentivo minimo per l'industria a investire nelle tecnologie più pulite ed efficienti. Il "backloading" era già stato approvato, con alcune condizioni aggiuntive, dalla plenaria del Parlamento europeo il 3 luglio scorso, dopo una prima bocciatura ad aprile, ma non aveva mai ottenuto finora il sostegno di una maggioranza qualificata di Stati membri. Ora si attende solo che Parlamento e Consiglio Ue - "probabilmente entro un paio di settimane", ha detto oggi il portavoce della commissaria europea al Clima, Connie Hedegaard - si mettano d'accordo per un testo comune da formalizzare in "trilogo" con la Commissione. Le quote di emissioni potranno essere ritirate dal mercato (ovvero non messe all'asta) già dall'inizio del 2014, per esservi poi reimmesse verso la fine del periodo di programmazione, prima del 2020. Entro quella data, le installazioni industriali sottoposte all'Ets dovranno aver ridotto le emissioni del 21% rispetto al livello del 2005. Il Parlamento europeo aveva posto due condizioni per approvare il congelamento delle quote di CO2: una valutazione d'impatto da parte della Commissione che dimostri che l'attuazione del "backloading" non creerà un rischio significativo di delocalizzazione delle installazioni industriali europee al di fuori dell'Ue; e la garanzia che si tratti di una misura "una tantum", e che comunque non riguardi più di 900 milioni di tonnellate di CO2. Su questa base dovrebbe ora essere raggiunto il compromesso definitivo nel "Trilogo" Parlamento/Consiglio/Commissione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina