lunedì 05 dicembre | 01:58
pubblicato il 18/ott/2013 12:00

A Roma partito il corteo dei sindacati di base verso San Giovanni

"Contro austerity, precariato e Bossi-Fini e per l'occupazione"

A Roma partito il corteo dei sindacati di base verso San Giovanni

Roma, 18 ott. (askanews) - A Roma è partito da piazza della Repubblica il corteo indetto dai sindacati di base Usb, Cobas e Cub nel giorno dello sciopero generale "contro le drastiche ricette del Fmi, della Bce e dell'Unione europea che in nome della stabilità monetaria impongono al nostro paese rovinose politiche sociali; per un serio piano nazionale sull'occupazione basato su opere socialmente necessarie, contro ogni forma di precarietà; per la difesa della scuola, dell'università, della ricerca e della previdenza pubblica, per la regolarizzazione generalizzata di tutti i migranti e l'abolizione della Bossi Fini; per la democrazia sui posti di lavoro". La manifestazione terminerà nel primo pomeriggio a piazza San Giovanni, dove si terranno interventi delle organizzazioni promotrici, una "acampata" con speaker corner tematici e, questa sera, si alterneranno sul palco artisti e gruppi musicali (99 Posse, Ascanio Celestini, Assalti frontali, Banda bassotti, Banda Popolare dell'Emilia Rossa). L'Agenzia per la mobilità comunica che con la partenza dei manifestanti sono scattate le deviazioni dei bus nella zona di piazza della Repubblica.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari