sabato 03 dicembre | 16:43
pubblicato il 27/ago/2012 16:50

A Roma Ostiense aperto il cancello della discordia di Italo

Le voci soddisfatte per i passeggeri di NTV

A Roma Ostiense aperto il cancello della discordia di Italo

Roma, (askanews) - Alla fine il cancello della discordia è stato aperto. Alla stazione Ostiense, a Roma, il varco davanti al binario 15a di Italo, è ora accessibile per i passeggeri che viaggiano con Nuovo Trasporto Viaggiatori. La 'gabbia' aveva acceso numerose polemiche tra la società di Luca Cordero di Montezemolo e Ferrovie dello Stato.La cancellata, infatti, costringeva i viaggiatori di Italo a percorrere un lungo tragitto per uscire dalla Stazione Ostiense: prima un sottopasso, poi le scale mobili, e infine il corridoio fino ad arrivare fuori, su Piazza dei Partigiani. Con annessi problemi di sicurezza nelle ore notturne.Ora invece, dalle ore 5 della mattina fino a tarda sera, c'è un cancello aperto. E i viaggiatori mostrano di apprezzare.Finalmente l'hanno aperta, almeno possiamo viaggiare più comodamente, anche con le ferrovie private".Sicuramente è Trenitalia che ce l'ha con Italo, e gli mette i bastoni fra le ruoteFinalmente hanno liberalizzato la concorrenza, ci hanno liberato dalla gabbia.E' una cosa molto comoda perchè direttamente dal cancello si sale in treno. Quindi è una cosa estremamente comoda.La cancellata resta, ma verrà chiusa solamente di notte.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari