lunedì 05 dicembre | 05:31
pubblicato il 01/ago/2012 12:10

A Pompei nasce il primo "museo temporaneo d'impresa" d'Italia

In mostra i gioielli e i manufatti dell'artigianato campano

A Pompei nasce il primo "museo temporaneo d'impresa" d'Italia

Pompei (askanews) - Nasce a Pompei, luogo magico ricco di Storia, un museo singolare che con l'archeologia ha poco o nulla a che fare. E' il primo museo temporaneo dedicato all'impresa d'Italia. Tra le autorità presenti alla posa della prima pietra, il sindaco della città, Claudio D'Alessio."E' un museo sperimentale che offrirà di mettere invista quelli che sono i risultati dell'artigianato regionale, di quant'altro possa essere d'interesse, con l'augurio ovviamente che possa ospitare anche altre ricchezze come quelle del nostro patrimonio archeologico"Nel museo, finanziato con fondi regionali e comunali per un totale di 2 milioni 400 mila euro, troveranno posto le eccellenze dell'imprenditoria campana. Dalle ceramiche di Vietri sul Mare, alle porcellane di Capodimonte, alla carta a mano di Amalfi, ai coralli di Torre del Greco e così via. Piccoli gioielli, in molti casi autentiche opere d'arte, a disposizione dei tanti turisti, provenienti da tutto il mondo che, richiamati in città dalla possibilità di visitare uno dei più straordinari siti archeologici del Pianeta, potranno anche avere un piccolo assaggio delle tante peculiarità dell'artigianato campano.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari