mercoledì 07 dicembre | 14:18
pubblicato il 01/dic/2014 19:53

A Napoli la quinta edizione di "Facciamo un pacco alla camorra"

Nelle confezioni regalo prodotti provenienti da campi confiscati

A Napoli la quinta edizione di "Facciamo un pacco alla camorra"

Napoli, (askanews) - A Napoli torna l'iniziativa "Facciamo un pacco alla camorra", giunta alla sua quinta edizione e organizzata dalla Rete di economia sociale e del Consorzio nuova cooperazione organizzata, e sostenuta dalla Fondazione con il Sud e dal Comitato "Don Peppe Diana". Il pacco regalo intorno al quale ruota l'evento è davvero unico nel suo genere: confezionato con prodotti agroalimentari unicamente provenienti da campi confiscati alla criminalità organizzata. Peppe Pagano del consozio Nco e Valerio Taglione del comitato "Don peppe Diana" sono tra gli organizzatori dell'iniziativa.

"Vuole promuovere - spiega Pagano - una economia sociale come antidoto all'economia criminale. Invece di puntare sulla globalizzazione, suil mercato, punta sulla globalizzazione dei diritti, sulla partecipazione, sulla condivisione, soprattutto mettendeo al centro le persone e il benessere del territorio".

"Soprattutto - aggiunge Taglione - è un'occasione per dimostrare che si può fare e si può costruire un cambiamento reale, inq uesto territorio e solo così potremo dire di aver vinto la battaglia contro la camorra".

Un progetto, insomma, che testimonia l'impegno delle cooperative sociali che dando lavoro ai più disagiati alimentano un'economia sostenibile. Tra i sostenitori anche il procuratore generale di Reggio Calabria, Federico Cafiero de Raho che proprio a Napoli, da magistrato antimafia, è stato in prima linea nella lotta alla camorra.

"Il pacco alla camorra - dice il magistrato - è la manifestazione più significativa di come i beni confiscati possano essere produttivi e quindi riutilizzati dando lavoro e creando prodotti che entrano in unh'economia che con questo da illegale, diventa legale".

Quasi contestualmente al lancio della quinta edizione dell'iniziativa, nel Salernitano venivano confiscati di beni per un milione di euro a un uomo vicino al clan Maiale di Eboli. Un nuovo importante segnale delle forze dell'ordine impegnate in una lotta senza quartiere contro i mille tentacoli della malavita organizzata.

Gli articoli più letti
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni