giovedì 19 gennaio | 03:49
pubblicato il 01/dic/2014 19:53

A Napoli la quinta edizione di "Facciamo un pacco alla camorra"

Nelle confezioni regalo prodotti provenienti da campi confiscati

A Napoli la quinta edizione di "Facciamo un pacco alla camorra"

Napoli, (askanews) - A Napoli torna l'iniziativa "Facciamo un pacco alla camorra", giunta alla sua quinta edizione e organizzata dalla Rete di economia sociale e del Consorzio nuova cooperazione organizzata, e sostenuta dalla Fondazione con il Sud e dal Comitato "Don Peppe Diana". Il pacco regalo intorno al quale ruota l'evento è davvero unico nel suo genere: confezionato con prodotti agroalimentari unicamente provenienti da campi confiscati alla criminalità organizzata. Peppe Pagano del consozio Nco e Valerio Taglione del comitato "Don peppe Diana" sono tra gli organizzatori dell'iniziativa.

"Vuole promuovere - spiega Pagano - una economia sociale come antidoto all'economia criminale. Invece di puntare sulla globalizzazione, suil mercato, punta sulla globalizzazione dei diritti, sulla partecipazione, sulla condivisione, soprattutto mettendeo al centro le persone e il benessere del territorio".

"Soprattutto - aggiunge Taglione - è un'occasione per dimostrare che si può fare e si può costruire un cambiamento reale, inq uesto territorio e solo così potremo dire di aver vinto la battaglia contro la camorra".

Un progetto, insomma, che testimonia l'impegno delle cooperative sociali che dando lavoro ai più disagiati alimentano un'economia sostenibile. Tra i sostenitori anche il procuratore generale di Reggio Calabria, Federico Cafiero de Raho che proprio a Napoli, da magistrato antimafia, è stato in prima linea nella lotta alla camorra.

"Il pacco alla camorra - dice il magistrato - è la manifestazione più significativa di come i beni confiscati possano essere produttivi e quindi riutilizzati dando lavoro e creando prodotti che entrano in unh'economia che con questo da illegale, diventa legale".

Quasi contestualmente al lancio della quinta edizione dell'iniziativa, nel Salernitano venivano confiscati di beni per un milione di euro a un uomo vicino al clan Maiale di Eboli. Un nuovo importante segnale delle forze dell'ordine impegnate in una lotta senza quartiere contro i mille tentacoli della malavita organizzata.

Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina