domenica 26 febbraio | 23:07
pubblicato il 21/dic/2013 11:54

A Napoli la lotta al pizzo va in vetrina: un adesivo per dire no

La campagna Fai per favorire il consumo critico contro la camorra

A Napoli la lotta al pizzo va in vetrina: un adesivo per dire no

Napoli (askanews) - Un adesivo sulla vetrina per dire no al pizzo. "Pago chi non paga", recita la frase simbolo della campagna a Napoli del Fai, associazione che raccoglie le federazioni antiracket e usura italiane, un'iniziativa acquista un'importanza particolare sotto Natale. I negozi che aderiscono si impegnano pubblicamente a rifiutare il pizzo e a promuovere la legalità e il consumo critico. Non si tratta solo di un'opera di sensibilizzazione sul tema spiega Tano Grasso, presidente onorario Fai. "E' un intervento concreto per rafforzare la lotta, perché noi vogliamo dire che un semplice acquisto può avere un valore anticamorra".Il consumatore così non rischia che una parte dei suoi soldi finisca per finanziare la camorra e può consapevolmente dare una mano e ai negozianti che rifiutano il pizzo, sostenendoli con gli acquisti.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech