venerdì 24 febbraio | 18:26
pubblicato il 18/apr/2011 16:48

A Napoli la casa confiscata a un boss ospiterà minori a rischio

Nasce "La Casa della Legalità" a San Giovanni a Teduccio

A Napoli la casa confiscata a un boss ospiterà minori a rischio

A Napoli l'ex casa di un camorrista diventa un luogo di ritrovo per i giovani del quartiere. La struttura, a piazza Capri, nel Rione Villa a San Giovanni a Teduccio, è stata confiscata alla criminalità organizzata e ristrutturata: ora rinascerà col nome di "Casa della legalità" e sarà sede di un centro di assistenza e recupero scolastico per minori a rischio e di uno sportello di coordinamento di diverse associazioni che operano sul territorio, come Alma. La presidente Patrizia Liccardi.Il progetto è portato avanti grazie al contributo di molti volontari, come Elisabetta Visco. La ristrutturazione dell'abitazione confiscata è stata realizzata grazie al progetto "Legalità e convivenza, non violenza" promosso dall'Aics Napoli, Associazione Italiana Cultura e Sport e finanziato dal Csv, Centro per il servizio di Volontariato.

Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech