lunedì 05 dicembre | 19:53
pubblicato il 11/feb/2014 12:07

A Londra blitz contro strage elefanti: distrutti oggetti d'avorio

L'azione organizzata dall'associazione animalista IFAW

A Londra blitz contro strage elefanti: distrutti oggetti d'avorio

Londra (askanews) - Collane, sculture ed elefanti, chili su chili di avorio distrutti, anzi polverizzati, per dire basta al commercio che provoca ogni anno la morte di 25mila elefanti, uccisi per i loro preziosi corni. Ad organizzare il blitz il fondo internazionale per gli animali (IFAW) in vista di un'importante conferenza sul commercio illegale."Abbiamo chiamato i nostri supporter e siamo stati sopraffatti dalla risposta che abbiamo avuto Ci hanno portato più di mille articoli d'avorio, oltre 80 chili perché la gente non vuole il sangue degli animali sulle sue mani" spiega Tania McCrea-Steele, dell'associazione. "Quello che stiamo facendo qui è aumentare la consapevolezza del fatto che ogni pezzo d'avorio rappresenta un elefante morto - continua - se comprate avorio state finanziando il massacro degli elefanti". (Immagini Afp)

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari