lunedì 20 febbraio | 01:13
pubblicato il 15/feb/2011 15:37

A Lampedusa il 'cimitero delle barche' degli immigrati

Sequestrate e abbandonate le carrette usate per la traversata

A Lampedusa il 'cimitero delle barche' degli immigrati

Si chiamano Ghofrane, Belil, Mohammad. Sono le barche a cui i clandestini del Magrehb affidano il loro destino per arrivare sulle coste italiane. Intercettate con il loro carico di disperazione dalle motovedette della Guardia Costiera, vengono scortate in porto a Lampedusa e sequestrate. Poi vengono portate e abbandonate nel cimitero delle barche dell'isola in contrada Terranova, una vera e propria discarica a cielo aperto. Spesso sono in condizioni disastrose, con falle e ingenti danni ma alcune sembrano ancora pronte a salpare. Molte imbarcazioni sono andate distrutte in un incendio, altre verranno smatenllate, ma il sindaco di Lampedusa Bernardino De Rubeis ha annunciato l'intenzione di creare un 'Museo della memoria', per non dimenticare il dramma dei migranti.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia