martedì 17 gennaio | 16:42
pubblicato il 15/feb/2011 15:37

A Lampedusa il 'cimitero delle barche' degli immigrati

Sequestrate e abbandonate le carrette usate per la traversata

A Lampedusa il 'cimitero delle barche' degli immigrati

Si chiamano Ghofrane, Belil, Mohammad. Sono le barche a cui i clandestini del Magrehb affidano il loro destino per arrivare sulle coste italiane. Intercettate con il loro carico di disperazione dalle motovedette della Guardia Costiera, vengono scortate in porto a Lampedusa e sequestrate. Poi vengono portate e abbandonate nel cimitero delle barche dell'isola in contrada Terranova, una vera e propria discarica a cielo aperto. Spesso sono in condizioni disastrose, con falle e ingenti danni ma alcune sembrano ancora pronte a salpare. Molte imbarcazioni sono andate distrutte in un incendio, altre verranno smatenllate, ma il sindaco di Lampedusa Bernardino De Rubeis ha annunciato l'intenzione di creare un 'Museo della memoria', per non dimenticare il dramma dei migranti.

Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa