sabato 03 dicembre | 17:15
pubblicato il 15/feb/2011 15:37

A Lampedusa il 'cimitero delle barche' degli immigrati

Sequestrate e abbandonate le carrette usate per la traversata

A Lampedusa il 'cimitero delle barche' degli immigrati

Si chiamano Ghofrane, Belil, Mohammad. Sono le barche a cui i clandestini del Magrehb affidano il loro destino per arrivare sulle coste italiane. Intercettate con il loro carico di disperazione dalle motovedette della Guardia Costiera, vengono scortate in porto a Lampedusa e sequestrate. Poi vengono portate e abbandonate nel cimitero delle barche dell'isola in contrada Terranova, una vera e propria discarica a cielo aperto. Spesso sono in condizioni disastrose, con falle e ingenti danni ma alcune sembrano ancora pronte a salpare. Molte imbarcazioni sono andate distrutte in un incendio, altre verranno smatenllate, ma il sindaco di Lampedusa Bernardino De Rubeis ha annunciato l'intenzione di creare un 'Museo della memoria', per non dimenticare il dramma dei migranti.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari