lunedì 05 dicembre | 02:03
pubblicato il 05/mar/2012 16:22

A Imperia fermato l'imprenditore Francesco Bellavista Caltagirone

Nella sede del Comune. Indagini su nuovo porto turistico

A Imperia fermato l'imprenditore Francesco Bellavista Caltagirone

Genova, 5 mar. (askanews) - La polizia postale di Imperia ha fermato poco dopo le 10 di questa mattina l'imprenditore Francesco Bellavista Caltagirone. Il noto costruttore, che è azionista del nuovo porticciolo turistico della cittadina ligure, è stato fermato nella sede del Comune di Imperia. Secondo le prime indiscrezioni, Bellavista Caltagirone sarebbe stato fermato proprio nell'ambito dell'inchiesta sulla realizzazione del nuovo porticciolo turistico del capoluogo, in cui è indagato anche l'ex ministro Claudio Scajola. Il fermo è stato eseguito poco dopo le 10 di questa mattina a Imperia. Insieme all'imprenditore Francesco Bellavista Caltagirone, sarebbe stato fermato anche Carlo Conti, ex direttore della Porto di Imperia Spa, società impegnata nella costruzione del nuovo scalo turistico della cittadina ligure. Caltagirone, presidente della società Acqua Pia Antica Marcia, che detiene il 33% delle azioni della Porto di Imperia Spa, sarebbe accusato di concorso in truffa ai danni dello Stato. Il noto costruttore è stato fermato poco dopo le 10 nella sede del Comune, dove avrebbe dovuto incontrare il sindaco del capoluogo, Paolo Strescino.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari