lunedì 27 febbraio | 12:35
pubblicato il 31/dic/2011 05:10

A Firenze la posa di una targa dedicata a Samb e Diop

In piazza Dalmazia vivo il ricordo dei due senegalesi uccisi

A Firenze la posa di una targa dedicata a Samb e Diop

Firenze, 31 dic. (askanews) - L'uccisione di Diop Mor e Samb Modou, i due senegalesi rimasti vittima dell'agguato xenofobo di Gianluca Casseri, ha lasciato il segno nell'opinione pubblica di Firenze. Oggi alle 12 si terrà la posa di una targa in piazza Dalmazia, dedicata a loro, alle cui spese ha provveduto la Rete Antirazzista, con parte delle donazioni raccolte durante il corteo di sabato 17 dicembre. La targa, almeno per il momento, sarà provvisoria. Nella piazza, ci sono ancora i fiori e i biglietti in memoria delle due vittime, rimessi a posto, ogni giorno, da attivisti o semplici residenti della zona. E sul sito de 'La Nazione', Samb Modou e Diop Mor hanno il 24% dei voti nel sondaggio per il 'fiorentino dell'anno, dopo il 25% del più votato, che è Andrea Ferri, il volontario morto in un incidente stradale in Tanzania.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech