domenica 11 dicembre | 15:47
pubblicato il 23/gen/2011 13:50

A Caserta uno spettacolo per la Politkovskaja e le ombre russe

Ferdinando Maddaloni tra Beslan e la Cecenia

A Caserta uno spettacolo per la Politkovskaja e le ombre russe

Era il settembre del 2004 e nella scuola numero 1 di Beslan, nell'Ossezia del Nord, si consumò il massacro di 331 persone: 186 erano bambini. partita da quella strage di innocenti la riflessione che ha portato l'attore Ferdinando Maddaloni a scrivere una storia da incubo e a farne un documentario che parla di libertà e di altri dèmoni delle democrazie contemporanee, che è andato in scena a Caserta. Con un pensiero particolare per Anna Politkovskaja. Maddaloni spiega così ai microfoni di TM News il senso dello spettacolo

Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina