domenica 22 gennaio | 21:32
pubblicato il 23/gen/2011 13:50

A Caserta uno spettacolo per la Politkovskaja e le ombre russe

Ferdinando Maddaloni tra Beslan e la Cecenia

A Caserta uno spettacolo per la Politkovskaja e le ombre russe

Era il settembre del 2004 e nella scuola numero 1 di Beslan, nell'Ossezia del Nord, si consumò il massacro di 331 persone: 186 erano bambini. partita da quella strage di innocenti la riflessione che ha portato l'attore Ferdinando Maddaloni a scrivere una storia da incubo e a farne un documentario che parla di libertà e di altri dèmoni delle democrazie contemporanee, che è andato in scena a Caserta. Con un pensiero particolare per Anna Politkovskaja. Maddaloni spiega così ai microfoni di TM News il senso dello spettacolo

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4