sabato 25 febbraio | 17:13
pubblicato il 16/giu/2012 18:00

A Bergamo evasione fiscale da 50 milioni di euro, otto denunce

Le società cambiavano continuamente sede per eludere controlli

A Bergamo evasione fiscale da 50 milioni di euro, otto denunce

Bergamo, (askanews) - Intitolavano le società a prestanomi, distruggevano tutta la documentazione contabile a scadenze regolari, e trasferivano continuamente la sede legale: sono alcuni dei metodi usati per non pagare le tasse da tre società del bergamasco scoperte dalla Guardia di finanza che ha accertato un'evasione da 50 milioni di euro, a cui vanno ad aggiungersi i 12 milioni di Iva non pagati. 8 le persone denunciate, tutti amministratori che si sono avvicendati alla guida delle aziende negli anni, dove cambiavano i capi ma non l'abitudine di evadere le tasse. Una delle società coinvolte, che lavoravano tutte nel campo della manutenzione di macchine industriali, rottamazione e fusione di metalli, per eludere i controlli da parte della finanza in un anno e mezzo ha trasferito la propria sede ben 4 volte, volando da Milano a Palmi fino a Napoli e Modena.

Gli articoli più letti
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech