lunedì 20 febbraio | 00:46
pubblicato il 07/mar/2013 17:17

8 marzo: Marazziti e Campanella, 90mila a rischio infibulazione

(ASCA) - Cosenza, 7 mar - ''Se potessimo fare una proposta diremmo basta alla festa delle donne, che e' divenuto un rito triste e consumistico fondamentalmente contro le donne: ma visto che si celebra l'8 marzo il nostro pensiero va alle novantamila donne di origine musulmana che rischiano l'infibulazione, pur vivendo in un paese democratico e civile come il nostro''. Lo affermano Mario Campanella, Presidente di Peter Pan Onlus, e Donatella Marazziti, professore di psichiatria all'Universita' di Pisa.

''Si tratta delle donne provenienti dai Paesi dove ancora vige questa medievale e criminale pratica mutilatoria (Ghana, Nigeria, Egitto soprattutto) - dicono Campanella e Marazziti - ottomila delle quali bambine. Purtroppo - concludono il giornalista e la psichiatra - su questo delicato tema c'e' un'attenzione intermittente da parte degli organi di informazione e questo non facilita ne' la conoscenza, ne' soprattutto la prevenzione''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia