Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Raddoppiati nel 2020 attacchi a siti e infrastrutture sensibili

colonna Sinistra
Lunedì 4 gennaio 2021 - 13:02

Raddoppiati nel 2020 attacchi a siti e infrastrutture sensibili

Dati Polizia Postale e Cnaipic
Raddoppiati nel 2020 attacchi a siti e infrastrutture sensibili

Roma, 4 gen. (askanews) – Gli attacchi informatici nel periodo che va da gennaio/dicembre 2019 alla fine del anno 2020 sono raddoppiati con un conseguente quasi equivalente incremento delle persone identificate ed indagate. Complessivamente in basi ai dati della Polizia Postale e delle comunicazioni, riferiti all’attività del Centro nazionale anticrimine informatico pe ala protezione delle infrastrutture (CNAIPIC) gli attacchi informatici a infrastrutture e siti sensibili sono stati 507 nel 2020, più che raddoppiati rispetto ai 239 registrati nel 2019. Sono aumentati gli arresti: 21 nel 2020 (3 l’anno precedente) e le persone denunciate (79 nel 2020 contro 52).

Sull’incremento degli attacchi diretti alle grandi infrastrutture erogatrici di servizi essenziali (approvvigionamento idrico ed energetico, pubblica amministrazione, sanità, comunicazione, trasporti, finanza sistemica), e quelli apparentemente isolati (diretti a singoli enti, imprese o cittadini), ha inciso – secondo gli analisti – l’emergenza pandemica.

Le tipologie di eventi cyber che hanno maggiormente impegnato gli operatori del Centro sono rappresentate dagli attacchi a mezzo malware, soprattutto di tipo ransomware, attacchi DDoS con finalità estorsiva, accessi abusivi con l’intento di carpire dati sensibili, campagne di phishing e, in ultimo, campagne APT (Advanced Persistent Threats), particolarmente insidiose poiché ricollegabili ad attori malevoli dotati di notevole expertise tecnico e rilevanti risorse.

L’emergenza Covid-19, in particolare, ha costituito un’ulteriore occasione per strutturare e dirigere attacchi ad ampio spettro, volti a sfruttare per scopi illeciti la situazione di particolare esposizione e maggior vulnerabilità in cui il Paese è risultato, e tuttora risulta, esposto.

Nello specifico, alcune delle più rilevanti infrastrutture sanitarie impegnate nel trattamento dei pazienti “Covid” sono state oggetto di campagne di cyber-estorsione volte alla veicolazione all’interno dei sistemi ospedalieri di sofisticati ransomware – concepiti allo scopo di rendere inservibili, mediante cifratura, i dati sanitari contenuti al loro interno – a fronte di richieste di pagamento del prezzo estorsivo, per lo più in cryptovalute (es. Bitcoin), onde ottenere il ripristino dell’operatività. Il sistema sanitario e della ricerca è stato inoltre bersaglio di diversi attacchi APT, con lo scopo della esfiltrazione di informazioni riservate riguardanti lo stato di avanzamento della pandemia e l’elaborazione di misure di contrasto, specie con riguardo all’approntamento di vaccini e terapie anti-Covid.

Si sono moltiplicati i casi di phishing ai danni di enti ed imprese, veicolati attraverso messaggi di posta elettronica i quali, dietro apparenti comunicazioni di Ministeri, organizzazioni sanitarie ed altri enti, relative all’andamento del contagio o alla pubblicazione di misure di contrasto, nascondevano in realtà sofisticati virus informatici in grado di assumere il controllo dei sistemi attaccati (c.d. virus RAT) e procedere così all’esfiltrazione di dati personali e sensibili, alla captazione di password di accesso a domini riservati, finanche all’attivazione di intercettazioni audio-video illegali.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su