Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Covid, l’arcivescovo di Spoleto Boccardo reagisce bene alle cure

colonna Sinistra
Giovedì 19 novembre 2020 - 14:05

Covid, l’arcivescovo di Spoleto Boccardo reagisce bene alle cure

Al quinto giorno di ricovero al Gemelli

Roma, 19 nov. (askanews) – L’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo è al quinto giorno di ricovero ospedaliero presso il policlinico universitario “A. Gemelli” di Roma a causa della positività al Coronavirus, con conseguente polmonite bilaterale. Il decorso procede regolarmente, il Presule è senza febbre e reagisce bene alle cure.

“Questa mattina (19 novembre, ndr) – afferma lo stesso Arcivescovo – ho partecipato on line alla riunione del Consiglio episcopale della Diocesi. Mi sento benino, più forte e reattivo dei giorni scorsi. Ringrazio tutti per l’affetto e la vicinanza, ma soprattutto per le preghiere”.

E nella riunione del Consiglio episcopale sono stati pensati alcuni momenti di preghiera: Sabato 21 novembre, nelle chiese della Diocesi: prima della Messa vespertina si reciti il Rosario per chiedere la guarigione dell’Arcivescovo e di tutti i malati di Covid-19; Sabato 21 e domenica 22 novembre, nelle Messe celebrate nelle chiese della Diocesi: una intenzione delle preghiere dei fedeli sia per chiedere la guarigione dell’Arcivescovo e di tutti i malati di Covid-19; Domenica 22 novembre alle 19.00, Spoleto, Basilica Cattedrale: il Vicario generale don Sem Fioretti e i vicari episcopali don Vito Stramaccia, don Edoardo Rossi e don Davide Travagli presiederanno un momento di preghiera per chiedere l’intercessione dei Santi patroni della Diocesi – la Santissima Icone, S. Ponziano e S. Benedetto – per la guarigione dell’Arcivescovo e di tutti i malati di Covid-19. Diretta sulla pagina Facebook della Diocesi (SpoletoNorcia). Giovedì 26 novembre, in tutte le chiese parrocchiali, nei santuari e nei monasteri della Diocesi: dalle 18.00 alle 19.00, Adorazione eucaristica per chiedere la guarigione dell’Arcivescovo e di tutti i malati di Covid-19.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su