Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Sul Comune di Milano appeso striscione contro tratta esseri umani

colonna Sinistra
Venerdì 16 ottobre 2020 - 13:11

Sul Comune di Milano appeso striscione contro tratta esseri umani

In occasione della 14esima Giornata europea contro questo crimine
Sul Comune di Milano appeso striscione contro tratta esseri umani

Milano, 16 ott. (askanews) – Da oggi a lunedì 19 ottobre, in occasione della 14esima Giornata europea contro la tratta di esseri umani, sul balcone di Palazzo Marino è esposto lo striscione “Milano non tratta” per sensibilizzare i cittadini sulla sfida rappresentata dalla lotta alla tratta e allo sfruttamento delle persone. Lo ha annunciato la stessa Amministrazione, spiegando che “il Comune di Milano è impegnato da oltre vent’anni in azioni a contrasto di questo fenomeno e nella protezione delle vittime attraverso la partecipazione a progetti finanziati dal Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri e cofinanziati dall’Amministrazione comunale”.

Attualmente il progetto “Derive e Approdi” accoglie 146 persone (di cui 129 donne, 13 uomini e 4 transgender) e offre assistenza con unità mobili che intercettano e offrono aiuto a chi è vittima di sfruttamento della prostituzione o è costretto a fare l’elemosina per strada (in totale sono circa 5.500 i contatti raggiunti) e con sportelli territoriali che hanno accolto circa 300 persone.

Fino al 25 ottobre al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea è aperta al pubblico, con ingresso gratuito, la mostra “Ris-catti. Per le strade mercenarie del sesso”: 80 fotografie che raccontano una realtà scottante, scomoda e a tratti agghiacciante: quella della condizione di schiavitù in cui nel 2020 versano ancora le vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale nell’area metropolitana della Grande Milano. Il risultato è un inedito racconto per immagini realizzato da 7 prostitute dell’hinterland milanese che, dopo aver frequentato per tre mesi un workshop di fotografia guidato dai fotografi di VisualCrew, sono state libere di raccontarsi scattando loro stesse delle fotografie rappresentative della propria realtà, fatta sì di strada, ma anche di vita quotidiana. Le fotografie, oltre a denunciare una realtà poco conosciuta, sono anche lo strumento per raccogliere fondi a sostegno dell’attività di Lule Onlus, associazione laica nata nel 1998 ad Abbiategrasso, che, con 20 operatori professionisti e 35 volontari, da oltre 20 anni offre aiuto alle vittime della tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale con programmi di intervento mirato all’assistenza, all’integrazione e al recupero sociale delle stesse. Sul territorio di Città Metropolitana di Milano Associazione Lule interviene come partner del progetto antitratta “Derive e Approdi” di cui il Comune di Milano è capofila.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su