Header Top
Logo
Venerdì 29 Maggio 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Test sierologici e tamponi, Omceo Roma: facciamo chiarezza

colonna Sinistra
Giovedì 21 maggio 2020 - 14:36

Test sierologici e tamponi, Omceo Roma: facciamo chiarezza

Ecco come funzionano e a cosa servono
Test sierologici e tamponi, Omceo Roma: facciamo chiarezza

Roma, 21 mag. (askanews) – “In merito alle tariffe applicate dai laboratori abilitati a effettuare il prelievo venoso per le indagini sierologiche Covid-19 invitiamo i cittadini a rivolgersi all’Ordine dei Medici e a Cittadinanza Attiva per segnalare disfunzioni o speculazioni che sarà nostro preciso dovere riportare alla Regione Lazio”, così Antonio Magi e Pierluigi Bartoletti, presidente e vicepresidente dei camici bianchi della Capitale. “All’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO) giungono, infatti – spiegano – molte richieste d’informazioni circa l’effettiva utilità e il costo delle indagini sierologiche per il Coronavirus. Tale esame diagnostico, se al fuori di campagne di valutazione di sieroprevalenza di sanità pubblica, è fuori dai LEA, ovvero a pagamento diretto dei cittadini dietro presentazione di prescrizione medica, con indicazione diagnostica da parte del medico prescrittore”.

Ma a cosa serve l’indagine sierologica? Quanto costa? Cosa fare se si è positivi? “L’indagine sierologica – spiega Omceo – serve a valutare l’eventuale comparsa di anticorpi (igG o/eIGM) nel sangue venoso, da prelievo capillare o da prelievo su vena del braccio. L’eventuale comparsa (positività) non significa malattia né contagiosità ma serve a evidenziare un contatto con l’agente virale (SARS2-Covid19) che ha dato origine ad una risposta immunitaria recente (IGM) o meno recente (IgG); qualora ci sia positività, ovvero rilevazione di anticorpi, è necessario fare subito un tampone oro-rino-faringeo. Tale tampone non serve per lo screening ma per diagnosi di malattia o valutazione di contagiosità; ad oggi non è erogabile da strutture private ma solo da quelle pubbliche, non è oggetto di pagamento ed è esente dal ticket; se serve, viene prescritto dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta. La Regione Lazio ha organizzato un efficiente sistema attraverso cui è possibile fare il tampone in pochissimo tempo (drive-through). Tra i due anticorpi, IgM ed IgG si è rilevato come sia più importante testare la presenza di IgG mentre le IgM non sono rilevanti. Il costo dell’indagine è calmierato da provvedimento regionale; la tariffa indicata è di euro 15,23. Molte richieste dei cittadini riguardano proprio il costo di tale esame che dalle loro testimonianze dirette è ampiamente diversificato da laboratorio a laboratorio. A Civitavecchia e in una struttura di Roma il costo è di 20 euro, in altre si arriva fino a 80 euro”. (segue)

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su