Header Top
Logo
Giovedì 4 Giugno 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Perché si rischia una nuova ondata di contagi dopo il 18 maggio (Gimbe)

colonna Sinistra
Giovedì 14 maggio 2020 - 17:40

Perché si rischia una nuova ondata di contagi dopo il 18 maggio (Gimbe)

Il monito di Cartabellotta
Perché si rischia una nuova ondata di contagi dopo il 18 maggio (Gimbe)

Roma, 14 mag. (askanews) – Riaprire su dati parziali aumenta il rischio nuova ondata coronavirus a inizio estate: l’avvertenza arriva dalla Fondazione Gimbe (Gruppo italiano per la medicina basata sull’evidenza) guidata da Nino Cartabellotta. Per decidere sulle riaperture differenziate annunciate per il 18 maggio, sono attesi, infatti, i dati del monitoraggio del ministero della Salute: tasso dei nuovi contagi, stima aggiornata del valore di Rt, che misura la velocità di trasmissione del virus, tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e in area medica, e gli altri parametri definiti dal decreto del 30 aprile.

Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe nella settimana 7-13 maggio conferma sia il costante alleggerimento di ospedali e terapie intensive, sia il rallentamento di contagi e decessi. In sintesi: i casi totali segnano +7.647 (+3,6%), i decessi +1.422 (+4,8%), i ricoverati con sintomi -3.597 (-22,8%), in terapia intensiva -440 (-33,0%).

Quindi “se da un lato questi numeri alimentano l’ottimismo e invitano ad anticipare riaperture di attività e servizi, dall’altro bisogna essere consapevoli che l’epidemia è ancora attiva, che in Italia si stimano 3-4 milioni di persone contagiate e che i soggetti asintomatici rappresentano una fonte certa di contagio”, spiega Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe. “Tuttavia – sottolinea – nel dibattito pubblico delle ultime settimane la vertiginosa rincorsa alle riaperture ha preso il sopravvento rispetto ad una scrupolosa programmazione sanitaria della fase 2 su cui non mancano criticità. Dall’assenza di una strategia di sistema ai problemi di approvvigionamento di mascherine e reagenti per i tamponi; dalla mancata applicazione di misure per spezzare la catena dei contagi alle autonome interpretazioni regionali delle evidenze scientifiche su test diagnostici e trattamenti”.

Per la Fondazione Gimbe è essenziale riportare al centro del dibattito la “gestione sanitaria” della fase 2 e fa un appello “alla massima prudenza nelle riaperture”. E a ragion veduta, perché dalle analisi indipendenti della Fondazione ci sono tre punt da tenere ben presenti: innanzitutto “il tempo medio tra il contagio e la comparsa dei sintomi è di 5 giorni, con un range da 2 a 14 giorni”; in secondo luogo “i tempi per la conferma della diagnosi dipendono da: richiesta del test, esecuzione del tampone, analisi di laboratorio e refertazione. Secondo i dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss), il tempo mediano tra insorgenza dei sintomi e conferma diagnostica è stato di 10 giorni nel periodo 21-30 aprile e di 9 giorni nel periodo 1-6 maggio”. Inoltre “la comunicazione dei nuovi casi dalle Regioni alla Protezione civile non è immediata: i frequenti ricalcoli testimoniano ritardi non quantificabili in assenza di maggiori dettagli”.

“Quindi – sottolinea la fondazione Gimbe e come mostra anche il grafico elaborato – sulla base di tali tempistiche l’impatto dell’allentamento del lockdown avvenuto lo scorso 4 maggio potrà essere valutato solo tra il 18 maggio e la fine del mese, peraltro presupponendo che la comunicazione dalle Regioni alla Protezione Civile avvenga in tempo reale”.

In sostanza i dati sull’andamento dei contagi che informeranno le eventuali riaperture del 18 maggio fotografano ancora la fase di lockdown e anche il valore di Rt viene calcolato sui dati delle due settimane precedenti come precisato dall’Iss: “Poiché la diagnosi di infezione da coronavirus Sars-CoV-2 che può avvenire anche due o tre settimane dopo l’infezione per via del tempo di incubazione (fino a 14 giorni) e dei tempi intercorsi tra l’inizio dei sintomi, la ricerca di assistenza medica e il completamento dei test di laboratorio, il valore di Rt può essere stimato solo fino a circa 15 giorni nel passato”. “Se lo scorso 8 maggio l’Iss ha reso noti i valori di Rt riferiti al 20 aprile – precisa Cartabellotta – domani potrà comunicare quelli riferiti al 27 aprile e solo tra due settimane conosceremo gli Rt conseguenti all’allentamento del 4 maggio”.

Dunque, “se le riaperture annunciate per il 18 maggio si basano esclusivamente sul tasso di occupazione di posti letto in terapia intensiva e in area medica, tutte le Regioni sono pronte perché il dato è molto affidabile e soprattutto disponibile in tempo reale. Se al contrario entrano in gioco i casi notificati alla Protezione Civile e il valore di Rt, bisogna essere consapevoli che le decisioni in questo momento non possono per definizione essere informate dai dati perché l’impatto dell’allentamento del lockdown sarà misurabile solo a partire dalla prossima settimana”.

“Il ‘contagioso’ entusiasmo per la fase 2 – conclude Cartabellotta – sta generando un pericoloso effetto domino sulle riaperture rischiando di vanificare i sacrifici degli italiani.

Infatti, decidere la ripresa di attività e servizi sulla base di dati che, occupazione di posti letto a parte, riflettono ancora il periodo del lockdown, aumenta il rischio di una seconda ondata all’inizio dell’estate”.

Il monitoraggio Gimbe dell’epidemia di Covid-19 è disponibile sul sito della Fondazione nella pagina dedicata all’epidemia coronavirus (coronavirus.gimbe.org).

Gtu/Int9

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su