Header Top
Logo
Sabato 24 Ottobre 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Coronavirus, appello Cia a Ue: misure eccezionali per agricoltura

colonna Sinistra
Giovedì 16 aprile 2020 - 14:50

Coronavirus, appello Cia a Ue: misure eccezionali per agricoltura

Servono scelte coraggiose, settore assicura cibo a tutti

Roma, 16 apr. (askanews) – Situazioni eccezionali richiedono risposte eccezionali. Per questo, di fronte alla pandemia in atto e agli effetti sul tessuto produttivo, l’Europa deve agire con un piano straordinario di sostegno al settore agroalimentare, che nell’emergenza Coronavirus si conferma strategico per assicurare cibo sano e sicuro ai cittadini di tutta l’Ue. Così Cia-Agricoltori Italiani, commentando l’ultima riunione della Comagri del Parlamento Ue, alla quale ha partecipato anche il commissario Janusz Wojciechowski.

Finora le azioni messe in campo dall’Europa a supporto dell’agricoltura sono solo un piccolo passo per rispondere alla crisi. Da Bruxelles -ricorda Cia- è arrivata la flessibilità per la gestione degli aiuti Pac, oltre all’annuncio di un provvedimento per riassegnare gli oltre 6 miliardi di fondi Ue non ancora impegnati nell’ambito dei programmi per lo sviluppo rurale. Ma non basta. L’Europa deve fare scelte più coraggiose, con azioni straordinarie e risorse dedicate a sostegno dei settori più colpiti. Nella giusta direzione vanno le proposte avanzate dai coordinatori PPE e S&D in Comagri, Herbert Dorfmann e Paolo De Castro, che chiedono politiche più ambiziose.

Per Cia, deve essere attivata ogni possibile misura che possa contribuire a ri-stabilizzare il mercato e garantire un sostegno agli agricoltori, compresi i settori che fino ad oggi non hanno beneficiato di misure specifiche, come il florovivaismo. Bisogna attivare l’ammasso privato per formaggi, burro e carni bovine, suine, ovicaprine, interventi già richiesti da Cia al governo e che la ministra Teresa Bellanova ha inviato come proposta alla Commissione. Inoltre, è necessario utilizzare fondi straordinari Ue anche per misure a favore della filiera vitivinicola.

Insomma, “chiediamo al commissario Wojciechowski un maggiore impegno per mettere in sicurezza l’agricoltura comunitaria e garantire sopravvivenza e ripresa delle aziende -ribadisce il presidente nazionale di Cia, Dino Scanavino-. Gli agricoltori europei continuano ad assicurare approvvigionamento e sicurezza alimentare, che sono gli obiettivi principali della Politica agricola comune. Nei prossimi giorni l’Ue dovrà prendere decisioni importanti sulla definizione del Quadro finanziario pluriennale (QFP) e l’agricoltura, in prima linea oggi con l’emergenza Coronavirus e domani con il Green Deal per uno sviluppo più sostenibile, non può e non deve essere penalizzata da un taglio del budget”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su