Header Top
Logo
Giovedì 9 Aprile 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Prosecco, Zaia: stop a nuove piantumazioni, Consorzi programmino

colonna Sinistra
Martedì 18 febbraio 2020 - 11:14

Prosecco, Zaia: stop a nuove piantumazioni, Consorzi programmino

"A tutela di redditività e sostenibilità dei vigneti"

Venezia, 18 feb. (askanews) – A dieci anni dal decreto ministeriale del 17 luglio 2009 che ha tutelato l’uso esclusivo del termine Prosecco all’area delle colline di Conegliano e Valdobbiadene e delle 5 province venete di Treviso. Venezia, Padova, Vicenza e Belluno (oltre alle 4 province friulane), i viticoltori del Veneto hanno conquistato il mercato mondiale. Un successo che si misura con gli oltre 600 milioni di bottiglie vendute oggi nel mondo (più dello Champagne) rispetto ai 200 milioni di bottiglie della ‘vecchia’ Doc Conegliano Valdobbiadene e della Igt ‘di pianura’ di dieci anni fa.

“Con l’operazione del 2009, che ha separato la denominazione del vino (Prosecco) da quello della varietà della vite (glera), abbiamo sottratto al resto del mondo l’uso del nome e impedito che si piantino vigneti di Prosecco in altre regioni d’Italia e d’Europa. Ma il boom del Prosecco ora va accompagnato con qualche sforzo in più”. A lanciare l’avvertimento agli oltre mille produttori del mondo delle Doc e Dogc venete convenuti alla Fiera di Godega di Sant’Urbano è stato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia nel corso del convegno inaugurale “Quali prospettive per il sistema Prosecco e Pinot grigio”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su