Header Top
Logo
Lunedì 19 Agosto 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Consiglio di Stato positivo su spiagge Puglia “Plastic free”

colonna Sinistra
Mercoledì 7 agosto 2019 - 18:59

Consiglio di Stato positivo su spiagge Puglia “Plastic free”

WWF: ribaltata decisione del Tar di Bari che bloccava limitazioni

Roma, 7 ago. (askanews) – Il Consiglio di Stato, con decreto cautelare monocratico del 07 agosto 2019, ha sospeso la recente Ordinanza resa dal Tar Bari ripristinando integralmente il contenuto della “Ordinanza balneare” del 2019 con cui la regione Puglia aveva posto limitazioni all’uso di contenitori ed utensili per alimenti e bevande di plastica monouso non compostabili negli stabilimenti balneari. Il WWF Italia, già intervenuto nel giudizio di primo grado a difesa dell’Ordinanza balneare pugliese, accoglie con favore il provvedimento del Consiglio di Stato ed intende sostenere le ragioni dell’ambiente e del mare, al fianco della Regione, anche davanti al giudice d’appello difendendo il divieto di uso di plastiche monouso e non compostabili in tutte le aree del demanio marittimo.

“Siamo davvero soddisfatti che sia stata ribaltata la decisione del Tribunale Amministrativo di Bari, cui si erano rivolte alcune aziende di produzione e distribuzione di bevande per far annullare il provvedimento. Siamo certi che questo possa essere un segnale positivo per stimolare iniziative analoghe di altre regioni e spinga i produttori e distributori di oggetti di plastica usa e getta ad avviare strategie di dialogo e investire, invece che in avvocati e ricorsi, in prodotti innovativi ed ecosostenibili”, sottolinea l’associazione ambientalista in una nota.

“L’importanza dell’iniziativa della Regione Puglia – si legge -viene confermata con il provvedimento del Consiglio di Stato che sostiene: “Rilevato peraltro che, in linea di principio, le Regioni possono dettare, nell’ambito delle materie rientranti nella propria competenza, disposizioni che indirettamente determinino standard di tutela ambientale più elevati di quelli fissati da norme statali”. (Segue)

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su