Header Top
Logo
Martedì 15 Ottobre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Assenteismo nel pubblico, arrestato dipendente a Reggio Calabria

colonna Sinistra
Giovedì 1 agosto 2019 - 09:10

Assenteismo nel pubblico, arrestato dipendente a Reggio Calabria

Accertamenti della Guardia di finanza

Roma, 1 ago. (askanews) – I militari della Compagnia Guardia di Finanza di Reggio Calabria hanno arrestato, in flagranza di reato, un dipendente pubblico che, approfittando della sua dislocazione periferica rispetto alla sede centrale dell’amministrazione di appartenenza presso cui era impiegato, si assentava abitualmente e arbitrariamente dal posto di lavoro. L’operazione repressiva in commento si inserisce nell’ambito di un più ampio piano di controllo disposto dall’Organo di vertice mediante la direttiva strategica per l’anno 2019, volto alla verifica, tra gli altri, dell’effettiva presenza in servizio dei dipendenti pubblici, così come statuito dal rinnovo del Protocollo d’intesa siglato tra la Guardia di Finanza e il Ministro per la Pubblica Amministrazione, relativo al partenariato con l’Ispettorato per la Funzione Pubblica.

Nello specifico, le attività poste in essere dalle Fiamme Gialle hanno, infatti, consentito di constatare che un impiegato di un istituto scolastico di Villa San Giovanni (RC) si allontanasse indisturbato dalla propria sede di impiego durante l’orario di servizio, recandosi, con cadenza quotidiana, presso una piscina privata a gestione familiare. In tali circostanze, infatti, egli, tramite l’improprio utilizzo del badge, faceva in modo che risultasse la propria continua presenza sul luogo di lavoro. L’attività di polizia giudiziaria espletata, condotta d’iniziativa, si è sviluppata attraverso l’esecuzione di prolungate attività di osservazione, pedinamento e controllo, che hanno consentito di accertare e ricostruire gli illeciti perpetrati dal soggetto, tratto in arresto per aver commesso i reati di false attestazioni o certificazioni e di truffa aggravata ai danni dello Stato.

I successivi accertamenti hanno permesso di rilevare come i suddetti allontanamenti dal luogo di lavoro non fossero giustificati da permessi o autorizzazioni di sorta; in un’occasione, per giunta, le assenze dalla sede di impiego sono state giustificate mediante delle autocertificazioni e delle certificazioni mediche risultate false, redatte utilizzando indebitamente l’intestazione e le sottoscrizioni di una nota clinica cittadina. In capo all’impiegato saranno applicati, dall’amministrazione di appartenenza, i provvedimenti tassativamente previsti dalla legge “Madia” ai fini dell’interruzione del rapporto di impiego. La lotta all’illegalità nella Pubblica Amministrazione costituisce una priorità per la Guardia di Finanza, alla luce del fatto che questa contribuisce a ostacolare la realizzazione del potenziale di crescita economica nazionale e influisce negativamente sulla qualità dei servizi proposti al cittadino dalle amministrazioni nazionali.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su