Header Top
Logo
Mercoledì 21 Agosto 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Vibo V., imprenditrice scomparsa nel 2016: un arresto per omicidio

colonna Sinistra
Giovedì 11 luglio 2019 - 12:29

Vibo V., imprenditrice scomparsa nel 2016: un arresto per omicidio

La svolta grazie alle testimonianza di un pentito di 'ndrangheta
Vibo V., imprenditrice scomparsa nel 2016: un arresto per omicidio

Roma, 11 lug. (askanews) – Prima svolta nelle indagini sulla scomparsa di Maria Chindamo, l’imprenditrice di Laureana di Borrello (Reggio Calabria) sparita nel nulla il 6 maggio del 2016. Il gip del Tribunale di Vibo Valentia, su richiesta della locale Procura, che ha coordinato le indagini condotte dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Vibo, di Tropea e del Ros, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Salvatore Ascone, 53 anni di Limbadi, già noto alle forze dell’ordine. Con lui risulta indagato a piede libero un suo operaio, Gheorge Laurentiu Nicolae, 30 anni, romeno, domiciliato a Limbadi. Nei loro confronti la Procura contesta il reato di concorso in omicidio con altre persone al momento ignote.

Secondo gli inquirenti avrebbero contribuito a causare la morte della donna manomettendo il sistema di videosorveglianza installato nella proprietà di Ascone in località Montalto, a Limbadi, per impedire la registrazione delle immagini riprese dalla telecamera orientata sull’ingresso della proprietà dell’imprenditrice, da dove la donna fu prelevata e portata via la mattina del 6 maggio 2016. I carabinieri sono arrivati a questa conclusione dall’analisi del “libro di bordo”, ovvero i file di log del sistema di videosorveglianza. La “scatola nera”, una volta scoperchiata, ha messo in luce tutte le manovre effettuate dagli indagati: dati che documentano che le manomissioni sono state effettuate esattamente la sera prima della scomparsa di Maria Chindamo e quindi sono state propedeutiche alla commissione del delitto, pianificato per la mattinata successiva ad opera degli esecutori materiali, consapevoli di operare in maniera indisturbata e con la sicurezza di non essere ripresi, quindi individuati.

Per la Procura di Vibo Maria Chindamo è stata barbaramente assassinata. Un omicidio volontario perpetrato da ignoti poco dopo le 7 del mattino del 6 maggio 2016 davanti alla propria azienda, dove uno dei suoi dipendenti trovò l’auto con il motore acceso, l’impianto stereo a tutto volume e tracce di sangue sulla carrozzeria della sua Dacia e all’interno tutti gli effetti personali, compresa la borsa contenente oltre mille euro in contanti. Complesse indagini, sviluppate ricostruendo un puzzle fatto di dati tecnici, dichiarazioni degli indagati e perlustrazione d’area, hanno permesso di giungere ad una prima importante svolta con l’individuazione di quelli che per l’accusa sarebbero “due dei correi” del delitto.

Secondo la ricostruzione fornita dai carabinieri, è emerso che Chindamo è stata prima aggredita appena scesa dall’auto e poi caricata con la forza da una o più persone su un altro mezzo con cui gli autori si sarebbero allontanati. Le tracce ematiche dimostrano la colluttazione avvenuta in più fasi. Una scena che avrebbe potuta essere immortalata dal vicino, se questi non avesse manomesso l’impianto di videosorveglianza. Per questo motivo Salvatore Ascone e Gheorghe Laurentiu Nicolae si trovano indagati perché – secondo l’accusa – avrebbero manipolato il sistema di videosorveglianza “tramite un’interruzione di alimentazione dell’hard disk interno, cagionata da un intervento manuale diretto ad inibire in tal modo la funzione di registrazione”. Agli investigatori, che nel maggio del 2017 lo sentirono a sommarie informazioni, Ascone dichiarò testualmente: “Le chiavi della casa dove sta custodito l’hard disk ce lo ho solo io oppure mia moglie. Sicuramente nessuno può aver avuto accesso all’abitazione perché c’è anche un impianto di allarme ed arriva la segnalazione sul telefonino mio, di mia moglie e dell’operaio che si chiama Nicolai”. Ad aggravare la posizione di Ascone sono le dichiarazioni fornite dal collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso (il “rampollo” pentito della cosca di ‘ndrangheta) che tendono a rafforzare l’ipotesi accusatoria di una manomissione temporanea volontaria del sistema di videosorveglianza. Il figlio di Panteleone Mancuso, detto “l’ingegnere”, aveva una frequentazione pressoché giornaliera con gli Ascone e ben conosceva le abitudini della famiglia. Il collaboratore di giustizia ha riferito un particolare fondamentale alle indagini: la “mania” o la “paranoia” di Salvatore Ascone per i sistemi di videosorveglianza.

“Ho sempre notato che era solito monitorare con sistemi di videosorveglianza tutti i luoghi di sua proprietà, sia l’abitazione, sia la casa in campagna, nonché i capannoni e i luoghi in cui aveva beni e animali … Era particolarmente attento al funzionamento di questo sistema al punto che quando c’erano dei guasti subito chiamava il tecnico affinché se ne occupasse”. Proprio il mancato funzionamento delle telecamere il giorno dell’omicidio Chindamo fu oggetto di un discorso tra Emanuele Mancuso e gli Ascone dopo la scomparsa della donna: “Salvatore Ascone mi disse – spiega agli inquirenti il collaboratore di giustizia – che le telecamere erano spente proprio quel giorno”.

La “rivelazione” fece agitare la moglie che si affrettò a precisare che invece si trattava di un “malfunzionamento”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su