Header Top
Logo
Martedì 23 Luglio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Coordinamento terremotati Centro Italia incontra Casellati

colonna Sinistra
Martedì 9 luglio 2019 - 16:09

Coordinamento terremotati Centro Italia incontra Casellati

"Vigilare su decreti attuativi efficaci per ricostruzione"
Coordinamento terremotati Centro Italia incontra Casellati

Roma, 9 lug. (askanews) – Il coordinamento dei Comitati Terremoto Centro Italia, rappresentato da Michele D’Avossa, Antonella Paganelli, Antonio Caricato, Romolo Trenta, Noemi Paola Riccardi, Urbano Testa e Roberto Micheli, è stato ricevuto oggi dalla Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, “alla quale è stata illustrata in qualità di seconda carica dello Stato – riferisce una nota- la necessità di vigilare sui decreti legislativi che verranno emanati in merito alla ricostruzione post terremoto: vigilare affinché possano introdurre efficaci regole e strumenti tecnici per facilitare e semplificare la ricostruzione”.

Nel corso dell’incontro è stato consegnato un documento nel quale vengono elencate tutte le problematiche connesse alla mancata ricostruzione. Il coordinamento ha ribadito alla presidente Casellati che “tali problemi sono purtroppo destinati a crescere esponenzialmente se non si riuscirà ad accelerare l’iter legislativo finalizzato a predisporre un testo unico di Legge sul Terremoto Centro Italia, e di due testi coordinati per le Ordinanze di Protezione Civile e per le Ordinanze del Commissario Straordinario per la Ricostruzione, facendo confluire norme inserite in fretta in altri decreti (decreto Genova, Ischia, Sblocca cantieri). E a definire e attribuire poteri più ampi ad un Commissario Nazionale che non reciti in continuazione la sua impotenza a causa della parcellizzazione delle competenze”.

“L’attuale sistema di Governance, allo stato, è in ritardo. Diventa quindi urgente – sottolinea il coordinamento- attribuire a questo soggetto un potere di ordinanza in deroga alla normativa vigente e nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento giuridico, ma nei limiti e secondo i criteri indicati nel decreto di dichiarazione dello stato di emergenza: ordinanze emanate in deroga alle leggi vigenti che devono comunque essere motivate, contenere l’indicazione delle principali norme a cui si intende derogare, e trasmesse ai Sindaci interessati per l’ulteriore pubblicazione locale”.

Il coordinamento ha infine ringraziato Casellati per aver ricevuto i suoi rappresentanti e “per aver mostrato grande sensibilità rispetto ad un evento drammatico che ha messo in ginocchio molti territori dell’Italia Centrale”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su